Quante volte, specie su lunghi rettilinei, siamo tentati di pigiare sull’acceleratore superando i limiti di velocità. Tentazione a cui però cerchiamo di resistere, soprattutto perché gli enti locali tendono sempre più a distribuire autovelox per fare cassa. E così strade statali, semafori, tangenziali e autostrade sono colmi di Autovelox pronti a fotografarci e multarci. Ma alcuni tipi di multe da essi derivanti possono essere annullate. A stabilirlo è una sentenza che stabilisce un precedente. Quella del Giudice di pace di Vigevano, con la sentenza numero 334/2015. Vediamo dunque quando le multe da autovelox possono essere annullate.

Multe da autovelox annullabili se non c’è presidio di una pattuglia

Come riporta il sito Studio Cataldi, il giudice di Pace di Vigevano ha infatti annullato un verbale della Polizia Locale di Garlasco giacché non vi era un presidio da parte degli accertatori. Infatti, le postazioni di controllo nei centri urbani devono prevedere anche la presenza di una pattuglia e, pertanto, essere gestite dagli organi di polizia stradale.

Dunque, ricapitolando, per controllare le automobili nei centri abitati deve esserci una pattuglia che gestisca le apparecchiature elettroniche, come dispone l'articolo 345 comma 4 del regolamento di esecuzione e di attuazione del codice della strada.

Autovelox, cosa dice codice della strada

Cerchiamo di parafrasare quanto indica il Codice della strada su questo argomento. Qualora venga inflitta una multa da autovelox - nella quale però siano assenti le annotazioni a verbale che indichino in modo preciso l’ottemperanza delle regole dette nel precedente paragrafo - non ha rilevanza il fatto che nelle sue deduzioni, nelle quali sia assente la cosiddetta fede privilegiata, la resistente abbia affermato che la colonnina è presidiata da una apposita pattuglia. La quale controlla ne controlla il regolare funzionamento nelle immediate vicinanze.

I migliori video del giorno

Pertanto, in parole povere, affinché una multa da autovelox in centro abitato sia valida, deve esserci una pattuglia che la presidi e gestisca l’apparecchiatura.