Facebook, si sa, ha cambiato la vita di tutti noi soprattutto con riferimento alle relazioni interpersonali, ma non solo: il famoso social network ha rivoluzionato lo shopping, ad esempio, e di certo non smetterà di sorprenderci. Il social di Zuckerberg, infatti, punta a diventare un vero e proprio punto di riferimento digitale del giornalismo.

La squadra di sviluppatori che lavora sull'applicazione per iOS di Facebook ha da poco annunciato il rilascio di una innovativa funzionalità, Instant Articles.

La novità era stata anticipata a maggio e, dopo una serie di test su una ristretta cerchia di utenti iscritti al social network, è ormai disponibile per tutti coloro che utilizzano Facebook su iPhone. Inoltre, probabilmente entro fine anno, anche gli utenti che sono in possesso di smartphone Android, potranno usufruire di questa importante novità.

Cosa sono gli Instant Articles e quali vantaggi comportano

Gli Instant Articles sono contenuti forniti da editori terzi e che vengono integrati all'interno della News Feed con l'obiettivo di garantire un accesso rapido.

Grazie alla nuova funzionalità, infatti, tutti gli utenti iOS che utilizzano l'app di Facebook riceveranno una nuova notifica che li avvisa dell'arrivo degli Instant Articles, post che sono contraddistinti da una nuova icona a forma di fulmine e che consente di aprire i contenuti dieci volte più velocemente rispetto ai classici link condivisi, abbattendo così i tempi di caricamento di una pagina che spesso spingono i lettori ad abbandonarla prima che venga completata del tutto.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Tecnologia Apple

Gli utenti, inoltre, godranno di una esperienza di lettura più ricca: gli instant articles offriranno testo e contenuti multimediali come foto, video e mappe interattive, zoom e didascalie audio. La funzione, per ora, è disponibile su un numero limitato di portali web come Time Inc, The Washington Post, The Huffington Post, The New York Times, National Geographic, BuzzFeed, NBC, The Atlantic, The Guardian e BBC News, ma certamente la lista si amplierà.

Gli editori ricaverebbero un importante vantaggio: l'aumento dei ricavi derivanti dalla pubblicità. Se gli articoli vengono visualizzati istantaneamente, infatti, gli utenti apriranno anche altri contenuti, il tutto all'interno di Facebook, e gli editori potranno così ricavare una percentuale degli introiti degli annunci abbinati al loro contenuto.

La strategia di Facebook e le critiche

Non ci deve stupire che la società abbia deciso di puntare sull'informazione tramite dispositivi mobile: questa è un'area chiave per tutti i sociale network.

Basti pensare che oltre l'85 per cento delle persone che accedono al servizio di Facebook ogni giorno ora lo fanno da un dispositivo mobile. Inoltre su 3,32 miliardi di dollari di entrate per Facebook derivanti dalla pubblicità, nel primo trimestre di quest'anno concluso il 31 marzo 2015, il 73 per cento proveniva da annunci pubblicati sui dispositivi mobili, mentre la cifra era del 59 per cento un anno fa.

Di fronte all'importante innovazione non sono, tuttavia, mancate anche le critiche: i detrattori sostengono che Facebook stia diventando sempre più un monopolizzatore della vita delle persone e, con gli instant articles, diventerà in qualche modo anche un monopolizzatore del web. La paura principale sta nel fatto che se gli articoli verranno mostrati direttamente in Facebook, i siti web degli editori potrebbero avere un calo enorme del loro traffico.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto