Come ormai ben saprete, #facebook è in procinto di lanciare un nuovo algoritmo per i contenuti che verranno visualizzati in homepage [VIDEO] da parte degli utenti. In particolare ad essere mostrati per primi saranno proprio i contenuti pubblicati da amici e parenti e questa mossa metterà in posizione di svantaggio le aziende e le pagine Facebook che vedranno ridursi la visibilità dei post.

L'obiettivo di questa strategia è quella di aumentare l'interazione degli utenti, evitando le esperienze passive in cui la home viene visualizzata in modo quasi automatico senza lasciare mi piace o commenti. Abbiamo deciso di rilasciare cinque consigli fondamentali per ridurre al minimo i danni, dal punto di vista delle pagine, del nuovo algoritmo.

Facebook: i cinque consigli per sopravvivere sul social network

Poiché il fine del nuovo algoritmo è quello di combattere i post di scarsa qualità, è molto importante puntare su quest'ultima rispetto alla quantità. Servono, infatti, dei post originali e geniali, anche se in quantità minori. Dunque l'obiettivo è quello di creare contenuti di qualità per ricevere traffico di qualità. È lo stesso discorso di Facebook che, a seguito di un elevatissimo numero di utenti registrati, ha visto diminuire gli utenti attivi proprio per mancanza di contenuti che possano creare una forte interazione tra gli utenti che ogni giorno accedono al social network.

Un altro consiglio utile è quello di pubblicare più video, ed è ancora migliore se si tratta di dirette. Essi sono i contenuti preferiti dagli utenti, e le dirette hanno la meglio poiché tutti gli iscritti alla pagina ricevono la notifica quando una live inizia.

È lo stesso l'amministratore delegato, #Mark Zuckerberg, a spiegare che nei dati statistici le dirette video registrano più attività rispetto ai video normali e si piazzano in cima ai contenuti di successo. Dunque, nella propria strategia marketing è fondamentale prendere in considerazione l'utilizzo delle live su Facebook.

Poiché la visibilità sarà comunque inferiore rispetto a quella di qualche mese fa, può arrivare in soccorso l'interazione one-to-one proposta da Messenger e introdotta in origine su Instagram nel 2017. Con questo tipo di interazione il singolo utente può entrare in contatto tramite messaggio privato con la singola azienda e avere un contatto più diretto.

Un altro consiglio fondamentale è quello di sponsorizzare i propri contenuti. La sponsorizzazione consiste nel pagare una certa cifra, che varia in base alla quantità di traffico desiderata e al numero di giorni in cui si prolunga la campagna pubblicitaria, al fine di aumentare il numero di potenziali utenti attivi in un determinato post. Su Facebook [VIDEO], il tutto gira attorno alla community. Creare un dibattito su un determinato argomento favorisce sempre la visibilità del post che spesso può anche aumentare di dieci volte la visibilità standard. #social media