windows 10 a maggio 2018 cambierà, in parte, pelle. Lo storico sistema operativo partorito da Microsoft dimostra di non voler invecchiare e si tuffa nel futuro. La cosa curiosa è che l'Update si chiamerà April 2018, ma solo dal giorno 30 sarà disponibile per il download. La distribuzione automatica avverrà soltanto a partire da maggio. Già adesso però si viene a conoscenza del fatto che si tratterà di un aggiornamento epocale. Non perché sarà rivoluzionario sotto il profilo strettamente tecnologico, ma forse per la prima volta si proverà a trovare un'associazione tra le esigenze umane e le opportunità che un computer connesso ad internet può riservare.

Update April 2018: le cose da sapere

Microsoft proverà a rendere il computer un vero e proprio tutor.

L'obiettivo è evitare che il computer e di conseguenza il sistema operativo possano diventare degli strumenti destinati a favorire la dispersione del tempo. L'obiettivo è ottimizzare l'applicazione della mente umana nell'uso della macchina. Lo si percepisce dalle features che saranno introdotte. Eccone alcune:

  • Timeline: sarà una funzionalità che permetterà di reperire dei files attraverso una particolare ricerca: quella temporale. Chiunque potrebbe ricordare di aver redatto un file word mentre guardava una partita, ma non ricordare il nome. Basterà incrociare la data ritrovata con le opportunità di ricerca e si potrà accedere a quel dato file. La ricerca riguarda tutti i files che sono sincronizzati anche da Android e Ios
  • Focus Assist: rappresenta un sistema attraverso cui si può scegliere di utilizzare il sistema unicamente per un'unica attività in cui è concentrati. L'obiettivo è evitare distrazioni provenienti da notifiche o altre attività. E c'è da giurare che senza distrarsi coi vari social si può essere più produttivi
  • Dication: un block notes 2.0 che prende gli appunti al posto nostro. Basterà infatti dettare ciò che si vuole venga appuntato e a quel punto il flusso audio sarà rapidamente convertito in testo da conservare. Si attende di capire, eventualmente, se la possibilità potrà essere estesa a chi intende prendere nota di una lezione universitaria o di una conferenza stampa.

Microsoft resiste?

Microsoft, schiacciata da una tecnologia sempre più in mobilità con altri leader, continua a far sentire la propria voce.

E lo farà, ad esempio, anche attraverso un browser che avrà nuove funzionalità quali la possibilità di navigare in internet con una tecnologia più fluida. C'è davvero attesa per capire come questo nuovo aggiornamento verrà accolto dagli utenti, tenuto conto che si tratta di uno di quegli update che risultano percettibili anche dai meno esperti.