Oggi 28 marzo nella mattinata papa Bergoglio ha celebrato la messa del Crisma con la quale i sacerdoti rinnovano le promesse fatte al momento della loro ordinazione. Il Papa è stato nominato sacerdote nel 1969, e dunque festeggia il 44esimo anno di sacerdozio. Ma ha anche invitato i suoi sacerdoti ad andare nelle periferie del mondo e a portare la parola di Cristo laddove ce ne sia bisogno. In Basilica vi erano circa 1600 tra cardinali, sacerdoti, e vescovi. Infine ha invitato i suoi sacerdoti ad essere "pastori con l'odore delle pecore, pastori in mezzo al proprio gregge, e pescatori di uomini".

Nel pomeriggio si è recato presso il carcere minorile di Casal del Marmo dove alle 17,30 si è svolta la Santa Messa in coena domini. Sono stati lavati i piedi a giovani carcerati, dodici come dodici erano gli apostoli nell'ultima cena, la cena del Signore per l'appunto. Tra loro anche una ragazza. I giovani sono perlopiù di fede musulmana, provenienti dal Nordafrica o dai paesi slavi. Gli stessi detenuti si sono occupati delle letture. La cerimonia sarà molto semplice. Nel rito della lavanda dei piedi il papa ha usato un telo tessuto con 720 fili diversi provenienti dalla Terra Santa. I giovani presenti, una Cinquantina circa, hanno offerto al papa un inginocchiatoio realizzato nel laboratorio dell'istituto, il papa in compenso ha portato uova e colombe.

Ieri invece il papa ha promulgato i decreti per la nomina dei beati . Tra questi è stato scelto Giuseppe Girotti che aiutò gli ebrei durante la persecuzione nazista. Morì a Dachau nel 1945, ma tra gli altri molti sacerdoti morti durante la guerra di Spagna, uccisi negli anni Trenta. Giuseppe Girotti era dell'Ordine dei Frati Predicatori e era nato ad Alba nel 1905. Aveva appena quarant'anni quando fu fatto prigioniero e poi ucciso. Giuseppe Girotti sarà tra i primi beati nominato da questo papa, italiano, insieme ai preti spagnoli.