Undici mesi d'inferno, undici mesi per capire, con sgomento e rabbia, che il compagno tanto amato era in realtà un'altra persona: è un fiume in piena Valeria Marini, negli studi di Pomeriggio Cinque, mentre ritorna ancora una volta sulla storia d'amore con Giovanni Cottone.

Una storia cha andava avanti ormai da diversi anni, felicemente e senza scossoni, tanto che i due decidono di sposarsi. E qui iniziano i problemi: è perchè Giovanni si dimostra subito dopo il Matrimonio un'altra persona.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie TV

Iniziano gli screzi con la famiglia di lei, sempre più frequenti e imbarazzanti per la povera Valeriona nazionale. Il padre di lei alla fine non ce la fa più e decide di rompere con il genero che proprio non riesce a sopportare.

Per Valeria è un brutto un colpo, ma purtroppo non il solo.

I due, pur essendo sposati, non si frequentano molto: non hanno fatto il tradizionale viaggio di nozze, lui comincia a vederla sempre di meno, le occasioni per parlare, per chiarirsi sono sempre più fugaci e inconcludenti. Tanto da far dire a Valeria che il matrimonio non è stato, mai, in effetti consumato. E qui Valeria si ferma, vuole spiegarsi, chiarire i malintesi che la sua affermazione ha inevitabilmente suscitato. Il matrimonio, in realtà non c'è mai stato, non c'è stato il tempo, nè la volontà di condivedere progetti, speranze, di costruire un futuro insieme.

Lui è geloso, lei si sente braccata: Cottone arriva a sostenere pubblicamente che Valeria abbia un amante, lei, a Pomeriggio Cinque, smentisce, risentita e rimanda le accuse al mittente. È lui, dice, ad essere cambiato, forse soffre di una doppia personalità visto che in altro modo non si riesce a spiegare il suo repentino cambiamento.

I migliori video del giorno

Ma ora, dichiara una sollevata Valeria, il periodo brutto è finito, e lei vuole lasciarsi alle spalle polemiche e quegli undici mesi d'inferno.