Pubblicità
Pubblicità

Il TG satirico di Canale 5 Striscia la Notizia, ha sospeso temporaneamente ed in via precauzionale i due storici inviati della puglia, Fabio e Mingo. L'annuncio è stato dato dal Gabibbo, durante il programma andato in onda l'altra sera con il seguente comunicato: 'Cari telespettatori, abbiamo ricevuto una segnalazione che può mettere in discussione il rapporto di fiducia con la redazione pugliese di Fabio e Mingo, da subito sono sospesi da inviati. Quando tutto sarà chiaro, vi faremo sapere. Oh, qui siamo a Striscia, mica a MasterChef'. In pratica è scoppiato un vero e proprio giallo su uno dei programmi storici della rete  ammiraglia di Mediaset.

Al momento non è stata fatta alcuna dichiarazione ufficiale da parte dell'ufficio stampa di Striscia, ma sulla rete, viaggiano innumerevoli indiscrezioni. I due inviati sono stati contattati al telefono, ma hanno fatto sapere che al momento non intendono rilasciare dichiarazioni in merito. Il 'Fatto Quotidiano' in un articolo pubblicato recentemente, ha comunicato che fonti vicine a Mediaset, avrebbero riferito che neanche lo stesso Mingo sarebbe a conoscenza del vero motivo della sospensione. Il fatto sembrerebbe comunque legato ad un contenzioso con la Asl di Pescara, a causa di un servizio girato qualche giorno fa per l'acquisto di un immobile.

La verità la conosce solo Antonio Ricci

La verità su questo misterioso caso televisivo, la conosce solo il suo storico autore, Antonio Ricci e forse il Gabibbo, ma c'è qualcuno che parla anche di una 'ricciata', cioè una manovra per creare più interesse intorno a Striscia la Notizia. Altri invece hanno insinuato che Fabio sarebbe stato 'fatto fuori' da Mingo da quando quest'ultimo si è sposato ed ha preferito girare i servizi con la sua consorte. Insomma che dire? Le voci sono tante, ma senza dubbio nei prossimi giorni verrà fuori la verità e finalmente sapremo il vero motivo di questo giallo. Nel frattempo aspettiamo le famose 'verifiche', che la redazione di Striscia deve adottare per prendere la decisione definitiva.