Un lavoro da sogno: condurre Top Gear, il programma di automobili più famoso trasmesso in tutto il mondo con oltre 350 milioni di telespettatori a puntata. Un trio, quello di Jeremy Clarkson, Richard Hammond e James May, che non teme confronti in quanto a ingegno, irriverenza e capacità di stare al passo coi tempi nonostante l'età anagrafica. Per riassumere, Jeremy Clarkson a marzo ha sferrato un pugno ad uno dei produttori, Oisin Tymon, episodio che ha fatto scattare l'immediata sospensione del conduttore.

Dopo pochi giorni i vertici della BBC hanno comunicato la loro volontà a non rinnovargli il contratto, nonostante migliaia di persone abbiano tentato a suon di hashtag, cinguettii, lettere di protesta, flash mob di "salvare" l'anima e la mente del format. Appresa la notizia, anche i suoi colleghi hanno deciso di abbandonare la barca poiché senza di lui non aveva senso andare avanti con lo show.

Ma The show must go on, cantavano i Queen.

Ma come? La BBC, ad oggi, non è ancora tornata sui suoi passi e sta considerando diverse soluzioni per la messa in onda del programma nel 2016, non dimenticando che mancano ancora 3 episodi della 22esima stagione lasciata a metà proprio a causa della vicenda.

Concretamente si parla di un trio di nuovi volti: Philph Glenister, noto per il ruolo di Gene Hunt di Life on Mars; Jodie Kidd, ex modella già conduttrice di un format automobilistico e Guy Martin, nome noto nel mondo delle corse.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie TV

Negli ultimi giorni, tuttavia, svariati tabloid inglesi danno come probabile l'alternanza di diversi conduttori ad ogni puntata, quasi come per far decidere ai telespettatori, attraverso gli ascolti, quale potrebbe essere il miglior sostituto dell'istrionico Jeremy.

Di sicuro non è una decisione semplice da prendere, visto che certi numeri di telespettatori vanno trattati con estrema cautela per evitare che vadano altrove.

La realtà è che sarà ben difficile trovare qualcuno all'altezza del compito in quanto il solo marchio Top Gear - rimasto di proprietà della BBC - non basta ad eguagliare/superare i fasti del passato.

Il trio "messo alla porta" sta attualmente girando il mondo con Clarkson, Hammond and May live, nato sulle ceneri di Top Gear Live e potrebbe presto tornare sugli schermi in un nuovo show, sempre a tema 4 ruote, grazie a Netflix, società statunitense che propone al pubblico contenuti in streaming.

Fra i progetti al vaglio anche un prodotto sulla concorrente ITV, House of Cars, nome che strizza l'occhio a un già esistente programma d'Oltreoceano House of Cards.

On that bombshell it's time to end.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto