Ieri sera, nel programma televisivo "#Le Iene Show", è stato trasmesso uno scherzo molto divertente, ma allo stesso tempo edificante, organizzato ai danni di #Moreno Donadoni. Sfruttando la sua "passione per le donne", il suo coinquilino ha messo in atto lo #scherzo con la complicità di Ingrid, una ragazza di origini albanesi, che in passato aveva avuto una notte di passione con il rapper.

A Moreno è stato fatto credere che Ingrid fosse incinta, sia per vedere la sua reazione, sia per constatare il suo senso di responsabilità. Lo scherzo è durato diversi giorni e il rapper non l’ha certo presa bene. Le sue preoccupazioni principali erano, in primis, quella di chiamare i genitori, e poi del risarcimento economico che sarebbe spettato al bambino.

"Perché mi vuoi rovinare la vita?" ha detto ad un certo punto alla ragazza. In realtà, lo scherzo molto divertente ha voluto anche mostrare come la vita, a volte, ce la roviniamo da soli, perché quando compiamo certe azioni non sempre valutiamo adeguatamente le loro conseguenze, e ponderiamo le eventuali ripercussioni personali.

Lo scherzo ha mostrato l'importanza di utilizzare il preservativo

Per questo Moreno, una volta arrivato in studio, ha voluto sottolineare come lo scherzo gli abbia fatto capire l’importanza di utilizzare il preservativo, soprattutto in rapporti occasionali, come quello che ha avuto con Ingrid. Il ricorso al preservativo è uno dei metodi anticoncezionali più efficienti per prevenire gravidanze indesiderate, situazione sempre più comune tra i giovani, soprattutto tra i giovanissimi che non hanno molta esperienza.

I migliori video del giorno

Trovarsi con un figlio in età adolescenziale, senza avere un lavoro né una stabilità economica e psicologica, non è certamente una situazione facile da affrontare. Inoltre il profilattico - fattore importantissimo - è efficace soprattutto quando si tratta di prevenire malattie sessualmente trasmissibili come l'Aids (sindrome da immunodeficienza acquisita). Insomma, non è solo una questione riguardante gravidanze indesiderate, ma soprattutto di salute e sicurezza per entrambe le parti.