Silvia Mezzanotte ha vinto la sesta edizione del Tale Quale Show. La cantante dei Matia Bazar non ha nascosto la commozione dopo l'annuncio ufficiale di Carlo Conti. La quarantanovenne è stata protagonista di un percorso quasi perfetto nel corso del programma televisivo dedicato alle imitazione dei cantanti. Silvia Mezzanotte ha conquistato i punti decisivi per la vittoria finale grazie ad un interpretazione magistrale di "There must be an angel" di Annie Lennox. Subito dopo la performance la cantante bolognese ha riferito di aver provato un'emozione particolare perché nella circostanza è stata chiamata ad imitare un suo mito. Nella classifica generale Silvia Mezzanotte ha preceduto Tullio Solenghi che ha strappato applausi nelle vesti di Ligabue.

Sul terzo gradino del podio è salito Davide Merlini protagonista dell'imitazione di Giuliano Sangiorgi.

Papi stupisce con Emma ma viene eliminato

L'ottava puntata ha decretato anche l'eliminazione di quattro concorrenti dal gran finale del Tale e quale Show 2016. Papi non è riuscito a conquistare il pass nonostante la convincente interpretazione di Emma. Il conduttore è riuscito a strappare anche il consenso di Claudio Amendola che l'ha posizionato al primo posto della sua personale classifica. Lasciano il programma anche Vittoria Belvedere, Fatima Trotta e Sergio Assisi. Al termine della trasmissione Silvia Mezzanotte ha ringraziato i compagni di avventura al Tale e Quale Show 2016 sottolineando che grazie ai loro voti ha conquistato la vittoria finale.

Deborah Iurato vince l'ottava puntata

La cantante non ha trattenuto le lacrime ed ha spiegato che è stata un angelo ad accompagnarla verso l'importante risultato.

I migliori video del giorno

Silvia Mezzanotte ha ricordato di essere stata eliminata a Music Farm qualche anno prima dopo aver cantata la stessa canzone di Annie Lennox. La quarantanovenne bolognese ha incassato anche i complimenti social di Valerio Scanu. Da sottolineare che la vittoria di tappa è andata a Deborah Iurato (quarta nella classifica generale) con un'interpretazione strappa applausi di uno dei successi di Aretha Franklin.