Deadline [VIDEO] ha ufficializzato la notizia secondo la quale gli sceneggiatori David Konner e David Chase stanno scrivendo il copione della pellicola che racconterà ciò che è accaduto prima della storia narrata ne ‘I Soprano’, la nota serie tv.

Il prequel di una serie tv tanto amata

S’intitolerà ‘The Many Saints of Newark’ e sarà ambientata nel New Jersey durante l’estate del 1967. Dopo che la polizia ha pestato un tassista di colore, tra il 12 e il 17 luglio scoppiarono violente ribellioni. Un vero e proprio scontro tra italoamericani e afroamericani [VIDEO] con 100 feriti e 26 morti. Battaglie che sono diventate cruente quando sono stati chiamati in causa i gangster di entrambe le parti.

Il film, quindi, dovrebbe allacciare questi tumulti con la storia della famiglia Soprano. Sembra, inoltre, che alcuni personaggi della serie tv saranno presenti nella pellicola. Sono da confermare Uncle Junior, Giovanni ‘Johnny Boy’ Soprano, sua moglie Livia e il padre di Tony Soprano. ‘I Soprano’ rimane una delle serie tv meglio scritte, mandata in onda su hbo dal 1999 al 2007 e vincitrice di 2 Peabody Award, 5 Golden Globe e 21 Emmy Award.

Le aspettative e le curiosità sono molteplici

La storia ha come protagonista il boss di una famiglia mafiosa italoamericana del New Jersey Tony Soprano, uno straordinario James Gandolfini, che dopo un attacco di panico va in terapia. L’intera serie tv racconta ciò che succede nella famiglia, i problemi e la psiche di Tony. Un prequel, forse, non necessario, ma di certo importante e ancora attuale, poiché per New York la situazione afroamericana è molto presa in considerazione.

Di certo dipenderà dal copione la vera e propria riuscita della pellicola, perché è facile supporre lo sfruttamento della notorietà della serie tv e la possibilità di guadagnare soldi facili.

Molti elementi fanno de I Soprano una serie interessante

Per gli appassionati de ‘I Soprano’ sarà interessante conoscere 5 componenti che hanno contribuito alla fama della serie tv. Il primo riguarda le sequenze con colpi di scena che il regista faceva ripetere più di una volta in diversi modi per far sì che gli attori all’oscuro di tutto potessero avere reazioni più veritiere. Il secondo fa riferimento all’ FBI che, sorvegliando delle famiglie mafiose italoamericane, comunicò ai creatori della serie tv che sono emerse conversazioni nelle quali si parlava proprio dello show. Addirittura alcuni criminali ossessionati credevano che gli autori della serie tv fossero in contatto con alcuni membri delle famiglie. Il terzo riguarda David Chase che in principio la storia de ‘I Soprano’ l’aveva pensata per un film, perché considerava la tv un posto poco consono per un racconto del genere.

E’ stato un agente del cinema a fargli cambiare idea. Il quarto fa riferimento alla scelta dell’attore che avrebbe dovuto interpretare Tony Soprano. All’inizio si pensava a Ray Liotta, per la sua ottima performance nel film ‘Quei bravi ragazzi’. Infine il quinto riguarda Toni Sirico che prima di indossare i panni di Paulie Gaulteri è stato arrestato 28 volte e tra i motivi c’è una rapina a mano armata.