Partenze intelligenti, percorsi alternativi, suggerimenti per l'utilizzo del treno o dell'aereo... Buoni propositi, ma, alla fine, sia per la gestione logistica che per i sempre più ridotti giorni a disposizione, si va in vacanza con la propria autovettura e, puntualmente, lo si fa sulle strade e sulle autostrade più trafficate.

Anche quest'anno, per il clou della stagione estiva, la Polizia di Stato ha reso note le previsioni per il traffico nei mesi di agosto e settembre (Piano Esodo Estivo), curate da Viabilità Italia, il centro di coordinamento nazionale per le emergenze istituito presso il Ministero dell'Interno-Sezione di Polizia Stradale.

Pur se non si registra alcun "bollino nero" nelle giornate considerate (dal primo agosto al 7 settembre), i periodi di maggiore criticità su strade e autostrade sono riferiti al primo week-end di agosto (da venerdì 1 a lunedì 4), al secondo week-end (da venerdì 8 a domenica 10) e al terzo (da venerdì 15, giorno di ferragosto, a domenica 17), periodi, questi, contrassegnati dal "bollino rosso" per alta criticità. Traffico molto intenso previsto anche nelle giornate del 7 e del 13, per quanto riguarda il traffico verso le località di vacanza.

Già a partire dal fine settimana successivo al ferragosto (sabato 23 e domenica 24) la criticità del traffico (bollino rosso) è legata alla fase di rientro, come pure sabato 30 e domenica 31, mentre il bollino giallo per il traffico intenso caratterizza le indicazioni per le giornate di lunedì 18, venerdì 22, lunedì 25 e venerdì 29.

I migliori video del giorno

Meno problematica si prevede la fase di rientro a partire da lunedì 1° settembre (bollino giallo per questa giornata e per il successivo week-end dal 5 al 7).

Ovviamente, bisogna tenere conto delle fasce orarie e di particolari aree geografiche (costa adriatica riminese, costa ligure, Stretto di Messina, Brindisi e Civitavecchia per gli imbarchi verso la Sicilia, la Sardegna, la Grecia, ecc.), e delle criticità tuttora presenti sull'autostrada Salerno-Reggio Calabria, dove sussistono ancora numerosi cantieri aperti per i lavori di riammodernamento dell'intera tratta. E non bisogna trascurare neppure le instabili e imprevedibili condizioni meteorologiche, che hanno sin qui caratterizzato l'estate italiana sino alla prima metà di luglio.

Premesso che la prudenza e il buonsenso devono essere sempre presenti e che non bisogna dimenticare che si parte per trascorrere un periodo di riposo e di stacco dalla quotidianità, e che la vita propria e quella degli altri è "sacra", per ogni aggiornamento è consultabile il sito della Polizia di Stato che, tra l'altro, prevede anche una sezione dedicata al traffico ferroviario.