A causa dei continui attacchi terroristici da parte dell'#Isis, spostarsi da un paese all'altro del mondo non è più tanto sicuro. Per questo motivo, oggi in questo servizio online mediante la Farnesina vi segnaleremo le località a rischio attentati, per il mese di gennaio 2016. Tutto ciò in modo che possiate viaggiare sicuri e informati su quali direttive di sicurezza dover prendere in specifici Stati.

Ecco quali sono le misure di sicurezza

Burkina Faso: alla luce di quanto è accaduto la sera del 15 gennaio 2016, ovvero, l'attacco di stampo terroristico rivolto al Cafè Cappuccino e all'Hotel Splendid, l'unità di crisi avverte i connazionali che si trovano nella Capitale di ridurre ogni tipo di spostamento e di seguire alla lettera i consigli delle autorità del posto.

Qualora ci fosse un'urgenza, si dovrà contattare l'ambasciata italiana situata in Costa d'Avorio.

Egitto: il Resort Bella Vista di Hurgada ha subito un assalto armato e quindi si consiglia di non recarsi in questa area. Oltre a ciò, nelle vicinanze delle piramidi di Giza una bomba artigianale ha coinvolto un autobus con a bordo villeggianti israeliani. Perciò, il ministero degli Affari Esteri raccomanda a tutti coloro che si trovano sul posto di non recarsi nei luoghi segnalati. Per ora, alcune compagnie aeree hanno interrotto i voli per Sharm El Sheik.

Ruanda: la Farnesina fa presente che questa località è vulnerabile agli attentati terroristici internazionali, pertanto, suggerisce molta cautela nei movimenti all'interno del paese e di eludere le zone di affollamento. È preferibile non recarsi nei luoghi che confinano con la Repubblica Democratica del Burundi e del Congo.

I migliori video del giorno

Uganda: in occasione dell'elevato numero di attacchi terroristici compiuti in Africa e valutando il fatto che le forze militari ugandesi stanno intervenendo all'incarico ufficiale AMISOM in Somalia, il governo di Kampala ha dato il via alla massima allerta potenziando le misure di sicurezza soprattutto nelle aree pubbliche.

Anche per oggi abbiamo concluso, nonostante ciò, vi proponiamo di continuare a seguirci per rimanere informati e aggiornati sulla situazione, eseguendo un semplice click sul pulsante 'Segui' in alto a destra attiguo al nome dell'autore. #terrorismo #cronaca nera