I mercatini di Natale sono una tradizione molto radicata in Germania. I tedeschi inventarono queste manifestazioni all’aperto per favorire i commerci già a partire dal XIV secolo, in occasione di ricorrenze religiose, come per esempio l’inizio dell’avvento. Il più antico mercatino di Natale, di cui abbiamo documentazione storica, risale al 1434 e ha avuto luogo a Dresda. A seguire abbiamo il mercatino di Strasburgo risalente al 1570 e quello di Norimberga attorno al 1628. Inizialmente si chiamavano mercatini di san Nicola, che si festeggia il 5 dicembre ed oggi è ancora una festa molto importante , soprattutto per i più piccini, paragonabile alla nostra santa Lucia o al 6 gennaio in Italia.

Successivamente, il periodo venne esteso fino al Natale e dopo la riforma protestante questi mercatini iniziarono a svolgersi a partire da novembre, in contrapposizione alla festa cattolica di ognissanti, con il nome di Christikindlesmarkt (mercatini di Gesù bambino). Dunque, una tradizione con una lunga storia che oggi si ripete in ogni città tedesca, dalle più grandi ai piccoli centri.

I mercatini di Natale più popolari

È veramente difficile fare una selezione su quali mercatini visitare. Se si vuole trascorrere un weekend in Germania e assaporare un’atmosfera natalizia , i Weihnachtenmarkt (o altrimenti detti Christikindlesmarkt in alcune città, specie del sud della Germania) più rinomati sono a Monaco di Baviera, Colonia, Berlino, Amburgo, Stoccarda, Norimberga, Dresda, Hannover, Francoforte.

I migliori video del giorno

Tutti hanno un’atmosfera magica, che richiama il periodo medievale nell’allestimento delle bancarelle e in alcuni casi anche nei costumi degli artigiani e dei commercianti, ma ognuno ha una sua peculiarità.

Dresda è famosa per lo Striezel (o Stollen), dolce tipico del posto, e per l’inaugurazione del mercatino, che avverrà il 26 novembre , viene tagliata una fetta di un enorme Striezel e viene portata entro le mura del Palazzo Reale e per il centro storico della città.

Una delle mete più ambite dagli italiani per il ponte dell’Immacolata è Monaco di Baviera, per la sua posizione abbastanza vicina all’Italia. In realtà la città bavarese ospita ben 3 mercatini di Natale, uno nella piazza del centro (Marienplatz) con un albero di Natale con più di 2000 luci; poi c’è quello di ambientazione medievale e uno adibito esclusivamente all’esposizione di prodotti artigianali provenienti da tutto il mondo. Un’altra città bavarese ospita il mercatino di Natale che conta più di 2 milioni di visitatori ogni anno.

A Norimberga la particolarità consiste nella recita di alcuni versi inaugurali dall’Angelo del Natale e ovviamente dalle immancabili leccornie tedesche, tra cui le mele ricoperte al cioccolato, le mandorle caramellate e il pan di zenzero; inoltre vi è un mercatino allestito dalle città gemellate con Norimberga in cui si trovano i prodotti tipici e le degustazioni proprie di quelle città.

Stoccarda ospita uno dei più grandi Weihnachtsmarkt collocato tra il Castello Nuovo e la Chiesa. Qui si possono assaggiare gli Spekulatius, biscotti alla cannella, il pane con uvetta e per riscaldarsi un buon bicchiere di Gluhwein (vinbrulè), una costante in tutte le città della Germania accanto alle varie birre, che rendono famosa questa nazione. In aggiunta, a Stoccarda vi è un villaggio di natale finlandese , dove si possono assaggiare la birra finlandese, il salmone e la renna affumicata e un mercatino dedicato ai più piccoli con giochi e intrattenimenti vari.

Spostandosi più a nord, ai piedi dell’imponente duomo di Colonia troviamo i mercatini di Natale con un’atmosfera completamente medievale, la pista di pattinaggio e tante idee regalo. Assolutamente imperdibili sono i mercatini di Natale della capitale, che ne allestisce oltre 60, uno adatto ad ogni esigenza.