Giungono importanti novità in concomitanza alle prove Invalsi 2015: il MIUR sta infatti portando avanti un progetto di riforma mirato a prevederne l'inserimento all'interno dell'esame di maturità, un disegno alquanto complesso da realizzare che comunque non verrà portato a termine prima del prossimo anno. Attualmente il progetto di riforma è alle sue fasi iniziali: non è ancora chiaro ad esempio se il #Miur voglia inserire le prove Invalsi come step valutativo da introdurre a metà maggio del quinto anno delle superiori o se invece miri ad immettere le stesse prove all'interno dell'esame di stato solitamente in programma tra giugno e luglio. Prima di riepilogare l'iter e il calendario relativo alle prove Invalsi 2015 e di fare il punto della situazione sulla riforma che avrebbe in mente il MIUR è però opportuno specificare, a beneficio di chi non avesse le idee chiare, che cosa siano con esattezza le prove Invalsi.

Pubblicità
Pubblicità

L'Istituto nazionale per la valutazione del sistema dell'istruzione è stato creato nel 1999 ma solo dal 2005 è stato configurato lo strumento delle cosiddette prove Invalsi, quiz somministrati (per il momento) in seconda e quinta elementare e in seconda superiore con l'intento di misurare il grado di apprendimento degli studenti. Le prove Invalsi 2015 faranno inoltre parte dell'esame di fine terza media, e non è detto che per il futuro, come già sottolineato, non vengano fatte rientrare all'interno del delicato meccanismo degli esami di maturità.

Prove Invalsi 2015: iter, calendario e riforma MIUR

Che le prove Invalsi entreranno a 'far parte' della quinta superiore è fuor di dubbio: lo prevede un decreto promosso dall'allora ministro Profumo. Il problema sta tutto nella formula: il MIUR potrebbe inserirle cronologicamente poco prima della conclusione dell'anno scolastico - configurandole dunque come mero e semplice strumento di misurazione - o al contrario optare per un immissione diretta all'interno delle 'nuove' prove di maturità. L'impressione è che il Ministero punti proprio su questa seconda ipotesi visto e considerato che continua ad autorizzare esperimenti al riguardo: l'ultimo si è tenuto nel dicembre del 2014 presso l'istituto tecnico-agrario 'Emilio Sereni' di Roma, con i ragazzi che si sono detti comunque in difficoltà per via di alcune domande. Seguiremo di certo gli sviluppi futuri avendo cura di aggiornarvi sulla questione. Tra qualche mese si terranno però le prove Invalsi 2015, per le quali ovviamente nessuna riforma è allo studio. Ecco il calendario delle rilevazioni:



  • 5 maggio 2015: prova preliminare di lettura (II primaria) e prova d'Italiano (II e V primaria);
  • 6 maggio 2015: prova di Matematica (II e V primaria) e questionario studente (V primaria);
  • 12 maggio 2015: prova di Matematica, prova d'Italiano e questionario studente (II secondaria di secondo grado);
  • 19 giugno 2015: prova di Matematica, prova d'Italiano (III secondaria di primo grado - Prova nazionale all'interno dell'esame di Stato).



Se desiderate rimanere aggiornati sulle prove Invalsi 2015, sulla riforma attualmente allo studio e sulle news inerenti all'universo della #Scuola vi invitiamo a cliccare il tasto 'Segui' posto poco sopra il titolo dell'articolo.