Il clima impazzito degli ultimi tempi fa registrare temperature decisamente alte e fuori dai parametri stagionali. Un Natale così caldo, e probabilmente un inizio anno con temperature così piacevoli, non si vedevano da anni. Non solo in Italia, anche oltreoceano, in particolar modo negli USA il clima sembra completamente stravolto. E’ la prima volta che nelle città americane come New York, notoriamente fredde in questo periodo dell’anno, non si trova traccia di neve.

Colpa di smog e polveri sottili

La causa di tutto questo è lo smog. Le emissioni di polveri sottili stanno innalzando le temperature e anche il livello del mare.

Non ci si deve meravigliare, quindi, se a Natale ci ritroviamo già con numerose piante di mimose fiorite, in anticipo di circa due mesi dal periodo primaverile. In questo mese di dicembre ci ritroviamo con 2,5 gradi in più rispetto alla media stagionale e una assenza di pioggia che sta preoccupando non poco gli operatori agricoli. Diverse regioni del nostro Paese, infatti, si stanno attivando per chiedere lo stato di calamità; molte culture a causa della siccità sono già andate perse.

La Coldiretti lancia l’allarme

A lanciare l’allarme la Coldiretti (Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti), associazione che rappresentanza la maggior parte degli operatori che lavorano nel settore agricolo.

L’Ente oltre a lanciare l’allarme siccità, evidenzia le possibili ripercussioni per le probabili future gelate che potrebbero compromettere raccolti e fioriture. A preoccupare gli esperti dell’associazione è l’arrivo della neve bassa e delle forti tempeste di vento. La Coldiretti ha spiegato che dalla piante da frutto non sono cadute ancore le foglie.

Segno questo di una intensa attività vegetativa tipica del periodo primaverile/estivo. Sempre secondo Coldiretti un repentino abbassamento della temperature e gelate persistenti porterebbero danni consistenti al settore agricolo al punto da compromettere la produttività degli anni successivi e provocare ingenti danni economici alle diverse attività che operano nell'agricoltura.

Segui la nostra pagina Facebook!