Siamo abituati a pensarla in questo modo: chi tampona un altro conducente in caso di sinistro stradale senza mantenere la consuetudinaria distanza di sicurezza ha sempre torto. Ma non sempre è così. Questo è quanto ha deliberato la suprema Corte di Cassazione, che con la sentenza numero 17206/2015 ha stabilito che nel caso in cui l’urto avviene per cause imprevedibili il conducente del mezzo che va a tamponare non commette nessuna violazione al codice della strada.

Un esempio- Nel caso di specie, la suprema Corte ha accolto il reclamo di un conducente di un autocarro ed ha invece rigettato le istanze della compagnia assicuratrice ricorrente.Di fatto, l’uomo aveva chiesto il risarcimento dei danni subiti in un incidente avvenuto a causa dell’impatto con un rimorchio che si era staccato dalla motrice fermandosi sulla corsia di marcia.

Seconda la compagnia assicurativa, anche l’arresto improvviso di un veicolo costituisce un fenomeno della circolazione stradale e quindi tocca al conducente che sopraggiunge evitare l’impatto mantenendo la distanza di sicurezza.

Quando non è applicabile - Ma per Corte di Cassazione non è così, ed ha infatti stabilito come l’articolo 149 del Codice della strada non sia applicabile nel caso di un veicolo fermo sulla carreggiata per motivazioni diverse da quelle della normale circolazione, quindi si tratta di uno scontro avvenuto per motivi lontani dal caso di un veicolo tamponato durante la regolare circolazione quotidiana. Una situazione anomala ed imprevedibile con la Suprema Corte che ha ribadito quanto già sancito dal giudice d’appello, che durante il giudizio di Secondo Grado, aveva appunto sentenziato la non applicabilità dell’articolo 149 codice della strada poiché non si trattava di un tamponamento ordinario ma di uno scontro tra l’autocarro guidato dal danneggiato ed un ostacolo fermo e quindi di uno scontro avvenuto per cause imprevedibili.Una sentenza importante e che apre a nuove riflessioni giurisprudenziali nel caso del delicato tema del risarcimento del danno derivante dalla circolazione dei veicoli.

Segui la nostra pagina Facebook!