"Il controllo è andato bene. Ora aumenteremo i carichi di lavoro. Però tutto prosegue come da programma". Parlava così, ai giornalisti presenti al Pirelli di Corso Venezia, il capitano dell'Inter Javier Zanetti. L'ultimo controllo, effettuato nella giornata di martedì, ha dato esito positivo e nella giornata di oggi, alla Pinetina, il capitano nerazzurro ha effettuato alcuni esercizi atletici, anche col pallone, a testimonianza del fatto che è davvero voglioso di dare ancora il suo contributo alla causa.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie A

Nonostante la carta d'identità dice quaranta anni, Javier Zanetti vuole sentirsi ancora utile a questa Inter che sta cambiando. Magari non ci saranno più le progressioni di un tempo, ma la voglia di stare al fianco della sua squadra, per la quale lotta incessantemente dal 1995, non è venuta mai meno.

Basti pensare a sabato passato, quando era nei pressi del terreno di gioco a sostenere i suoi compagni nella gara contro la Juventus.

Ora però è pronto a dare una mano anche in campo. Zanetti è pronto ancora a dare il suo contributo in questa Inter, in quella che potrebbe essere la sua ultima stagione calcistica. Poi sarà ancora Inter, in un altro ruolo. Ma per ora si pensa al presente. Il 28 aprile, giorno del suo infortunio, sembra uno sbiadito ricordo. Il passato non conta più. Si guarda all'attualità che illustra un'Inter ritrovata nello spirito e nella voglia di lottare, di tornare quella che era. Con una certezza: capitan Zanetti sempre al suo fianco, tanto in campo quanto fuori.