Moratti e Thohir hanno trovato l'accordo sul 99% delle condizioni sul passaggio dell'Inter nelle mani del tycoon indonesiano. Le clausole previste dal contratto prevederanno un pagamento da parte di Thohir di 300 milioni di euro a Moratti per il 70% delle quote. Tutti gli altri affari sono stati risolti e rimane soltanto un'ultima piccola postilla da mettere in chiaro, e poi si potrà firmare: la cosiddetta clausola-tifosi.

Si tratta di un'assicurazione che Moratti vuole da Thohir per non fare la fine del presidente del Malaga che, dopo un anno, si è stancato del giocattolo e l'ha rotto.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Inter

La clausola prevede che per i prossimi 3 anni Thohir non faccia mancare il supporto economico alla società, non solo ripianando il debito da 150 milioni di euro che già possiede, ma anche coprendo le spese che servono per raggiungere la Champions League nella prossima stagione, e puntare a vincere lo scudetto in quella successiva.

Le parti non si incontreranno più, come anticipato nei giorni scorsi, sabato prossimo. Thohir vorrebbe mantenere un profilo basso prima di diventare il proprietario dell'Inter, e così ha deciso di non presenziare alla partita contro la Juventus. Anzi, i dettagli verranno discussi a Londra, non a Milano, la prossima settimana. In quest'incontro si dovranno mettere per iscritto tutti i minimi dettagli per poi portare alla firma e all'effettivo passaggio di proprietà nel mese di ottobre.

Ancora non è certo che a fare da trade-union tra le due figure sarà Leonardo che ha negato di aver sentito Thohir. Ma non è nemmeno certo che sarà Mazzarri a sedere sulla panchina dell'Inter nella prossima stagione. A meno di eccezionali risultati quest'anno, Thohir sembra intenzionato a sostituirlo con un allenatore di fama internazionale.

I migliori video del giorno

Ma è ancora presto per questo discorso.