Juventus: Antonio Conte temeva la settimana delle nazionali perché tra voli transoceanici e gare ad alta tensione, qualcuno ritorna sempre rotto. Il primo era stato Barzagli che, a dirla tutta, era già partito per Coverciano non in ottime condizioni. Il difensore quasi certamente non sarà in campo contro l'Inter perché il problema al tendine del piede sinistro non gli permette di allenarsi. Ha passato gli ultimi due giorni a fare fisioterapia, e non si sa ancora quando potrà tornare a correre.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Juventus

Anche se lo facesse pochi giorni prima della gara, sarebbe una follia rischiarlo.

Il reparto difensivo è tutto in giro per il mondo. Bonucci e Chiellini hanno giocato 90 minuti ieri con l'Italia e Ogbonna è pure in ritiro e potrebbe anche giocare nella prossima partita contro la Repubblica Ceca; Caceres non ha giocato ma è sempre andato dall'altra parte del mondo; Asamoah ha giocato ieri 90 minuti e giocherà anche nei prossimi giorni in Giappone per un'amichevole, e così non tornerà a Torino prima di giovedì.

Improbabile che venga rischiato.

Sono in ritiro con la nazionale anche Lichtsteiner, Pirlo, Vidal (ieri in gol) e Pogba, mentre Marchisio sta ancora lavorando per smaltire l'infortunio al ginocchio capitatogli in Supercoppa, ma ha bisogno ancora di qualche settimana per guarire completamente. Al lungo elenco di indisponibili e di giocatori spremuti dalla nazionale se ne aggiungono altri due.

Uno è Pepe che, durante l'ultima amichevole contro il Santhià, si è nuovamente infortunato alla famosa coscia sinistra che lo tiene lontano dai campi di gioco da un anno e mezzo. Nulla di grave stavolta, solo un risentimento, ma se ogni volta che viene dichiarato guarito poi basta uno scatto per fargli tornare il dolore, vengono molti dubbi sul suo possibile utilizzo. Ma quello che preoccupa più di tutti è Vucinic.

I migliori video del giorno

Ieri, durante la partita tra Polonia e Montenegro, un brutto intervento di un difensore avversario l'ha mandato KO. È dovuto uscire in barella, quasi in lacrime, dolorante ad un ginocchio. Oggi si conoscerà l'entità dell'infortunio, ed anche se non è sembra grave, non è detto che riesca a recuperare per la partita contro l'Inter. Vista la situazione, non resta che incrociare le dita e sperare che nelle partite di martedì prossimo la lista degli infortunati non si allunghi ancora.