Dopo le ultime (infelici) uscite quello che sembra chiaro atutti è l'urgenza di nuovi rinforzi.                              

Le idee della dirigenza su questo versante sono: un acquistosulle corsie (con la probabile partenza di Pereira) e sulla mediana (con l'uscita di almeno unofra Kuzmanovic e Mudingay) nel caso nonsi dovesse vendere nessun'altro. Altrimenti, se Belfodil dovesse finire inprestito, un elemento perl'attacco. Ovviamente, qualora venisseceduto uno dei Big (Guarin e Ranocchia in primis) si dovrà cercare un degnosostituto.

Mercato Gennaio 2014: esterni

Sulle fasce rimbalzano i nomi low-cost di D'Ambrosio('88 del Torino) e Bernat ('93 delValencia) con una quotazione sui 4 milioni.

Pur differenti come giocatori(Bernat è un esterno offensivo con attitudine al dribbling rispetto a D'Ambrosio che fa d'intensità ecorsa i suoi punti di forza) hanno entrambi ottenuto l'approvazione diMazzarri. Bernat potrebbe essere preso in virtù della linea verde indetta da Thohirmentre il torinese (pur vicino al Milan)ha chance di vestire la maglia dell'Inter per la possibilità di uno scambioalla pari con Kuzmanovic (e di una situazione contrattuale favorevole).

L'arrivo di uno dei due dipenderà anche dalle cessioni.

Nel caso della cessione di Guarin e dell'acquisto di uncentrocampista più incline al contenimento (come Fernando o lo stessoNainggolan) si punterebbe su Bernat (per dare maggiore peso all'attacco) in casocontrario si punterebbe su giocatori simili a D'Ambrosio, per mantenere idelicati equilibri difensivi che spesso mancano a questa squadra.

Alternativa sempre economica è Marquinho ('86 della Roma, disciplinato tatticamente) mala probabilità che possa essere scelto è piuttosto bassa.

Alternative di maggior rilievo sono Insua e Montoya. Le quotazioni di Montoya ('92 del Barca) dipendono dallasua situazione contrattuale. Se non rinnoverà potrebbe rivelarsi un occasioneda cogliere pur con mezza Europa alla finestra.

Mentre Insua ('89) che statrovando poco spazio all'Atletico è il piano B in caso di cessione di Pereira (i9 milioni del suo cartellino sarebbero in larga parte compensati da quelli ottenuticon la cessione dell'uruguaiano).

I due (pur essendo terzini adattati) posseggono lequalità per fare entrambe le fasi. Capacità che manca ai vari Jonathan e Nagatomoche per caratteristiche fisiche minute non sono in grado di garantire unacoperture adeguata (spesso le azioni offensive degli avversari nascono proprioda loro sbavature).

Per finire, ci sono i sogni quasi irrealizzabili: Vrsaljko, Sandro e Lucas del PSG.

Il primo il Genoa lo vorrebbe tenere fino alla finestra delmercato estivo. Esterno tuttofare classe '92 che si sta mettendo in mostra in questa prima parte di stagione. È stato già vicino all'Inter lo scorso mercato.

Sandro se lo contendono grandi squadre (M.U., Chelsea, etc...). Oltretutto, il Porto è una bottega carissima. Comunque i rapporti con la società sono buonie potrebbe aprirsi uno spiraglio.

Lucas ('92) sembra irraggiungibile perché il Psg non intendefare sconti né minusvalenze e la spesa monstre occorsa ad acquistarlo la scorsaestate (quasi 35 milioni) pare eccessivaper le casse nerazzurre.

Esterno conspiccate doti offensive, nazionale brasiliano. Con Jonathan formerebbe un duoverdeoro da paura.