Manca solo il match del Bentegodi, Verona-Palermo in programma questa sera alle 20 e 45 per depositare agli archivi la seconda giornata del campionato di Serie A 2014-2015, ma un bilancio lo possiamo fare. Guidano le "duellanti" Roma e Juventus (oltre alla sorpresa Milan), che negli anticipi di sabato hanno regolato Empoli e Udinese. Empoli-Roma 0-1. Partita non bella quella giocata dai giallorossi al Castellani, vinta con un pizzico di fortuna e con il minimo sforzo, e questo a volte è proprio il segno della grande squadra, partita risolta da una deviazione sfortunata nella sua porta di Sepe dopo un tiro di Nainggolan. Juventus-Udinese 2-0.

Vittoria netta e convincente quella dei bianconeri, apre presto l'apache Tevez, la squadra di Allegri domina, come dominava quella di Conte, tutto sembra immutato, merito innanzitutto di una grande società; a metà ripresa mette al sicuro il risultato Marchisio, questa volta nemmeno Stramaccioni può nulla, poco da rimproverare alla sua Udinese, troppo evidente il diverso tasso tecnico. E ora per Juve e Roma è tempo di Champions.

Sampdoria-Torino 2-0. La domenica è iniziata con il lunch match del Ferraris, sorride la bella Samp di Mihajlovic, che regala una partita show al pubblico presente sulle gradinate di Marassi, apre Gabbiadini con una punizione capolavoro, raddoppia di prepotenza Okaka, incontenibile la gioia del presidente Massimo Ferrero nel suo esordio in campionato a Genova.

I migliori video del giorno

Il monologo blucerchiato umilia il Torino di Ventura non pervenuto in alcun reparto, non mancherà il lavoro al tecnico granata, ma giovedì è già Europa League, l'occasione giusta per rialzare subito la testa.

Alle 15.00 il gruppo più nutrito di partite. Cagliari-Atalanta 1-2. Subito in gol la squadra di Colantuono(Estigarribia), mette al sicuro il risultato nella ripresa(Boakye), inutile sul finire il rigore trasformato da Sau per i sardi. Esordio casalingo amaro per Zeman, sorride l'Atalanta.

Fiorentina-Genoa 0-0. Divisione della posta nel match di Firenze che non fa certo felice Montella, può ritenersi più soddisfatto del punto, preso in trasferta e su un terreno certo non facile, Gasperini.

Inter-Sassuolo 7-0. Cambia lo spartito, ma non la musica, l'Inter travolge il Sassuolo di nuovo 7 a 0. Prestazione brillante dei neroazzurri che rende felice Mazzarri, poca cosa davvero il Sassuolo di Di Francesco che in qualche modo deve correre ai ripari. In gol Kovacic, Guarin, due volte Osvaldo e tre Icardi.

Lazio-Cesena 3-0. Vince e convince la Lazio all'Olimpico, dopo il negativo esordio a Milano; di Candreva, Parolo e Mauri le firme del successo, festa per i tifosi tornati sugli spalti e ovazione per il campione del mondo Klose. Per il Cesena perdere all'Olimpico ci può stare, ma forse Bisoli si sarebbe aspettato maggiore determinazione dai suoi.

Napoli-Chievo 0-1. Ormai il Chievo è diventato la bestia nera dei partenopei; subito in avanti il Napoli che fallisce anche un rigore con Higuain, poi su contropiede Maxi Lopez ammutolisce il San Paolo che comincia a sentirsi deluso dalla squadra; tre punti d'oro per il Chievo di Corini.

Parma-Milan 4-5. Alle 20 e 45 il posticipo Parma-Milan, praticamente la fiera del gol, risultato pirotecnico sancito in questo modo: 25' Bonaventura (M), 27′ Cassano (P), 37′ Honda (M), 45′ rig. Menez (M), 51′ st Felipe (P), 69′ De Jong (M), 73′ Lucarelli (P), 79′ Menez (M), 89′ De Sciglio (autogol). Emozioni da vendere in questa incredibile partita, stremato alla fine esulta Pippo Inzaghi, il suo Milan tiene per ora il passo di Juve e Roma, e domenica prossima a San Siro arriva proprio Allegri. Ancora fermo a quota 0 il Parma di Donadoni.

Classifica: Milan, Juventus e Roma 6 punti; Inter, Sampdoria e Atalanta 4 punti; Lazio, Napoli, Udinese, Chievo e Cesena 3 punti; Palermo, Verona, Cagliari, Genoa, Fiorentina, Torino e Sassuolo 1 punto; Parma e Empoli 0 punti. (Palermo e Verona 1 partita in meno)

Prossimo turno (3^giornata): Cesena-Empoli; Milan-Juventus; Chievo-Parma; Genoa-Lazio; Roma-Cagliari; Sassuolo-Sampdoria; Atalanta-Fiorentina; Udinese-Napoli; Torino-Verona; Palermo-Inter.