Juventus-Roma, la partitissima della sesta giornata del campionato di Serie A, ha regalato grandi emozioni ai tifosi delle due squadre ma uno spettacolo sicuramente pessimo, che non fa bene al calcio italiano. Juve-Roma è finita 3-2, ma non è il risultato - seppur importante - la cosa fondamentale. Le decisioni arbitrali di Rocchi, il nervosismo, i cartellini rossi, gli spintoni, credete facciano bene alla nostra serie A? Le polemiche non sono mancate e non mancheranno in questi giorni per questa sfida e sui social network i commenti di parte continueranno a proliferare per almeno una settimana.

La moviola è impietosa nei confronti dell'arbitro Rocchi, il peggiore in campo.

Le sue decisioni non convincono, sono tanti gli episodi dubbi e i suoi errori sembrano palesi. La Juventus fa bene prima a reclamare un rigore su Marchisio (non concesso), poi ne ottiene un altro per un fallo di mano di Maicon. Ma è dentro o fuori l'area? Rocchi prima concede punizione dal limite, poi cambia idea. Anche il rigore per la Roma sembra essere dubbio, perchè Totti inizia ad abbracciare Lichtsteiner prima che lo stesso lo trascini a terra. Poteva non essere assegnato. Il secondo rigore assegnato alla Juve dall'arbitro Rocchi viene concesso trenta secondi dopo lo scadere del recupero, che era di un solo minuto. Il contatto tra Pjanic e Pogba, inoltre, visto alla moviola sembra essere qualche centimetro fuori dall'area di rigore. Per Rocchi è stata una domenica no e lo conferma anche il fatto che il gol del 3-2 della Juventus è viziato da un fuorigioco di Vidal, che sul tiro di Bonucci copre la visuale del portiere della Roma Skorupski.

I migliori video del giorno

Giusta solo l'espulsione di Manolas e Morata per reciproche scorrettezze, nate comunque per l'eccessivo nervosismo che c'era in campo. Insomma, il voto per l'arbitro Rocchi è sicuramente inferiore (e di molto) alla sufficienza. Di Juve-Roma se ne parlerà ancora a lungo, per settimane e mesi. Perché Juve e Roma continueranno a battagliare, le due squadre si equivalgono e l'hanno dimostrato sul campo.