C'è stato bisogno di ricorrere alla lotteria dei rigori, allo stadio di Doha, per decidere la vincitrice della Supercoppa Italiana 2014. Alla fine è stato il Napoli ad aggiudicarsi il trofeo e a poter festeggiare davanti ai rivali della Juventus. La Juventus si è presentata con la formazione tipo, quella pronosticata alla vigilia. Nel Napoli invece una sola sorpresa. Dentro De Guzman al posto di Mertens. I tempi regolamentari si sono chiusi con il risultato di 1-1. Al vantaggio della Juventus, firmato da Carlitos Tevez nel primo tempo al 5' minuto, ha risposto l'attaccante del Napoli Gonzalo Higuain nel secondo al 68'. Quindi dopo i tempi regolamentari la Supercoppa è andata ai supplementari, con la Juventus che si è riportata in vantaggio ancora una volta con Carlitos Tevez al 107' del secondo tempo supplementare, con successivo e definitivo pareggio di Higuain al 118'.

Quindi è servita la lotteria dei rigori per decidere chi sarebbe stato il vincitore della Supercoppa Italiana 2014. Entrambe le formazioni hanno sbagliato il primo rigore. Il Napoli con Jorginho e la Juventus proprio con Tevez. Successivamente non sbaglia più nessuno e si va ad oltranza, con tanti errori e grandi parate dei portieri, soprattutto Buffon, grande protagonista anche nel match. Alla fine il rigore decisivo per il Napoli lo batte Koulibaly, mentre è decisivo per la Juventus l'errore dal dischetto di Padoin, subentrato al posto dell'infortunato Lichtsteiner.

Quindi il Napoli, dopo due vittorie consecutive della Juventus nella Supercoppa Italiana, ritorna ad alzare il trofeo a 24 anni di distanza dall'ultima volta e si porta a quota due Supercoppe in bacheca contro le 6 della Juventus.

I migliori video del giorno

Occasione sprecata per la Juve di staccare il Milan, proprio a quota sei, in testa alla classifica nell'albo d'oro. E occasione sprecata anche per il mister, Allegri, che è ancora in cerca della sua prima coppa. Mentre per il collega Rafa Benitez questa è stata la sua decima finale vinta. Adesso ci sarà la pausa natalizia per poi rituffarci nel campionato di Serie A, nel giorno dell' Epifania.