La Fiorentina ha chiuso nelle ultime ore per l'acquisto di Davide Astori dal Cagliari. Dopo una lunga trattativa col Napoli, lo stesso Astori una decina di giorni fa, visto l'interesse della Viola, non ci ha pensato un attimo a scegliere Firenze.

Tante stagioni positive al Cagliari, seguite da una alla Roma vissuta tra alti e bassi, nella quale comunque ha avuto la stessa media voto di Savic: 5,83. Lo slavo è più forte, ma considerando che è stato valutato quasi 20 milioni di euro (10 + il cartellino del forte centrocampista Mario Suarez, oggi presentato dalla Fiorentina), i circa 6 andati per Astori (comprensivi dell'1,5 speso per il prestito, dei 3,5 che la Viola spenderà per il riscatto obbligatorio e dell'1 di bonus facilmente raggiungibile) nel complesso costituiscono un buon affare per la Fiorentina.

Pubblicità
Pubblicità

L'accordo col giocatore è stato definito nei dettagli ieri sera, mentre tra stanotte ed oggi pomeriggio si sono limati gli ultimi dettagli col Cagliari, tanto che la firma sul contratto potrebbe arrivare già stasera.

Ma con la partenza di Mario Gomez, si stanno intensificando le voci su possibili nuovi acquisti per il reparto offensivo della Fiorentina. Si parla nelle ultime ore ancora di Mario Balotelli, e poi di Fabio Borini ed Alessio Cerci.

I primi 2 oggi sono stati messi fuori rosa ufficialmente dal Liverpool, e da lì molti giornalisti hanno fatto 2+2: in realtà Balotelli è stato offerto già un paio di volte ai viola durante quest'estate.

Dopo aver fallito quasi ovunque per il suo carattere, a non ancora 25 anni vorrebbe comunque riconquistare la Nazionale e la Fiorentina sarebbe la piazza ideale: squadra ambiziosa, ma senza troppi obblighi di vincere. Parte della tifoseria però, e buona parte della dirigenza, che ha fin qui rifiutato, temono che Balo possa spaccare lo spogliatoio viola. Però un colpo ad effetto, potrebbe rilanciare la fin qui triste campagna abbonamenti ed acquisti della Fiorentina.

Pubblicità

Borini invece piace veramente, ma siamo ancora in fase di sondaggi.

Per Alessio Cerci (per lui sarebbe un ritorno) il discorso è diverso: l'Atletico Madrid lo ha proposto alla Fiorentina durante le trattative per la scambio Savic-Mario Suarez, ma senza l'ok del Milan, che lo ha ancora in prestito per un'altra stagione, non se ne può cominciare nemmeno a parlare nella pratica.

Staremo a vedere, fermo restando che tra le varie teste calde, riuscire a pescare un top player a 4 soldi da rilanciare, potrebbe anche essere la carta giusta per una Fiorentina che opera in regime di auto-finanziamento.

Leggi tutto