La Serie A ormai ha preso il via da cinque giornate ed è dunque arrivato il momento di fare il punto, di tracciare un primo bilancio sulle squadre e di capire quello che potrebbe essere il campionato futuro. Chi vincerà lo scudetto? Proviamo a capirlo. L'Inter è saldamente al comando della classifica, a punteggio pieno, magari non gioca benissimo ma riesce sempre a portare a casa l'incontro, con grande cinismo. Ecco, il cinismo, è questa la dote principale delle grandi squadre. Ed è anche uno dei motivi per i quali l'Inter può vincere lo scudetto quest'anno.

Non segna tantissimo la squadra di Mancini e il giocatore più decisivo per le sorti dei nerazzurri continua a essere Jovetic, che da solo ha segnato il 50% delle reti.

La Juventus e la Roma arrancano

Nessuno si aspettava un inizio così difficile da parte della Juventus, che ha perso dei pezzi importanti della squadra che ha dominato negli ultimi anni. Pensiamo a Tevez, Vidal e Pirlo, giocatori che assicuravano ai bianconeri un grande rendimento ma anche tante reti. Il ko con l'Udinese allo Stadium e il pareggio con il Frosinone ci dicono che questa potrebbe essere un'annata da dimenticare per i bianconeri, che pure secondo le statistiche della serie A è la squadra che tira di più in porta (21,2 tiri in media) e la seconda nei passaggi riusciti, ben l'85,6%.

Vedremo se i bianconeri riusciranno a risalire la china.

Anche la Roma non se la passa benissimo. Ha vinto lo scontro diretto con la Juventus, ma ha pareggiato in casa con il Sassuolo e poi ha perso contro la Sampdoria, allontanandosi dalla vetta. Anche in questo caso però le statistiche ci dicono che i giallorossi sono abbastanza in salute.

Sono la seconda squadra che tira di più in porta, con 20,6 tiri in media a partita, e anche la percentuale di passaggi riusciti è alta, l'85,4%, senza contare la percentuale di possesso passa, ben il 64%. In definitiva i numeri ci dicono che sia la Juventus che la Roma sono due squadre che possono senz'altro rientrare nella corsa per lo scudetto. Il campionato di serie A è lungo, molto lungo.