Roberto Mancini non sembra pienamente soddisfatto dall'esterno difensore proveniente dal Barcellona Martin Montoya. Il terzino spagnolo è arrivato a Milano in estate con la formula del prestito biennale con diritto di riscatto finale fissato a circa sette milioni di euro. Impiegato con il contagocce fin dalle prime amichevoli pre-stagionali il calciatore spagnolo non sta trovando la continuità che cercava e che l'ha spinto ad abbandonare il Barcellona. La concorrenza sugli esterni è forte, Santon che in estate sembrava essere in partenza è sempre più titolare nelle scelte di Mancini, Juan Jesus sta inanellando ottime prestazioni sulla corsia di sinistra adattandosi alla perfezione nel nuovo ruolo di terzino sinistro.

L'arrivo di Alex Telles, che tanto aveva impressionato il mister jesino in Turchia al Galatasaray, insieme alle mancate partenze di Nagatomo e D'Ambrosio hanno creato una situazione di sovraffollamento sulle corsie di difesa nerazzurre.

Novembre si avvicina e si avvicina anche la data entro cui il tecnico interista dovrà rispondere al Barcellona, club ancora proprietario del giocatore, sul futuro di Montoya. Nonostante nel 2012 sia stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1991 stilata da Don Balon, Montoya sembra destinato a lasciare l'Inter e Milano, il ds Ausilio dopo il lavoro extra compiuto nella sessione estiva di mercato sembra già avere individuato il perfetto sostituto.

Jacopo Sala, un esterno completo e dall'esperienza internazionale

Il direttore sportivo Piero Ausilio ha già fatto la sua scelta, Jacopo Sala, classe '91 esterno del Verona vicino all'Inter già nella scorsa estate e pupillo di mister Mancini. Jacopo Sala è un giocatore che può ricoprire tutte le posizioni della fascia destra, è in grado di giocare terzino e quindi di sopperire alla partenza di Martin Montoya può essere impiegato come esterno di centrocampo in un centrocampo a quattro o a cinque ed è in grado di ricoprire anche il ruolo di esterno in un attacco a tre.

Cresciuto nelle giovanili dell'Atalanta passa in quelle del Chelsea, dove ha l'occasione di allenarsi con la squadra vincitrice della Premier League nel 2010. Dal Chelsea si trasferisce all'Amburgo, club che gli da la possibilità di esordire in Bundesliga e di segnare il suo primo gol in campionato contro il Bayern Monaco nella partita poi terminata 1 - 1.

Nel 2013passa al Verona a titolo definitivo, nella sessione di Calciomercato appena conclusa la valutazione del giocatore era vicina ai 7 milioni di euro.