Dopo la pesante sconfitta con rimonta subita dall'Inter sul campo della Fiorentina per 5 a 4, la dirigenza nerazzurra spazza via le voci sul futuro prossimo della panchina interista ribadendo la fiducia in Stefano Pioli. Un comunicato pubblicato sul sito ufficiale del club milanese ha inoltre richiamato i giocatori a lavorare di più e più duramente di quanto fatto finora indicando anche le date del ritiro forzato in vista dell'incontro contro il Napoli. I giocatori dell' #Inter resteranno infatti nel Centro Sportivo Suning di Appiano Gentile da martedì 25 aprile fino a domenica 30 aprile.

Pubblicità
Pubblicità

Suning al fianco di Pioli ma contro i suoi giocatori

Suning non ha apprezzato il comportamento di alcuni dei suoi giocatori e in particolare circolano i nomi di Miranda e Banega, rei secondo la società di aver staccato la spina troppo presto durante gli ultimi incontri e di essere tornati dai rispettivi impegni con le nazionali con una concentrazione non appropriata per terminare la stagione, oramai quasi fallimentare sotto ogni aspetto, dell'Inter.

La volontà di tutta la società è quella di tornare in Europa: dopo sei anni di assenza dalla #ChampionsLeague per l'Inter è un obbligo qualificarsi per la prossima Europa League ma al momento nulla è facile e scontato.

I piani alti del club di Milano potrebbero aver perdonato le ultime prestazioni di Pioli che è arrivato in nerazzurro in un momento non facile ed ha permesso alla squadra di lottare fino solo a poche partite fa per un posto nell' Europa che conta.

Pubblicità

La grande cavalcata intrapresa dal suo arrivo a Milano, ora naufragata, potrebbe salvare il suo posto in panchina almeno fino al fine della stagione anche se la partita di domenica sera contro il Napoli sarà per forza di cose fondamentale per l'allenatore e per il futuro di tutta la squadra.

Inter fra Conte, Simeone, Spalletti e Jardim

I nomi che circolano per un eventuale dopo-Pioli sono stati ampiamente ripetuti negli ultimi mesi. Si va da un quasi impossibile approdo in nerazzurro di Antonio Conte ad un difficile ritorno in veste di allenatore dell'ex interista Simeone.

Più romantica e fantasiosa appare ad oggi la pista che porta all'attuale tecnico del Manchester United Josè Mourinho. Dopo l'esperienza di un allenatore estero alla De Boer potrebbero essere preferite delle alternative italiane che conoscono bene la #SerieA come l'uscente romanista Luciano Spalletti, rispetto ai nomi più esotici di Marco Silva, ancora una volta sponsorizzato dall'agente Kia Joorabchian, o all'attuale tecnico del Monaco Leonardo Jardim, che tanto bene sta facendo con la squadra del Principato tanto da arrivare a giocare la semifinale di Champions League contro la Juventus.

Pubblicità

Leggi tutto