Al margine della riunione della Lega tenutasi ieri, il vulcanico Presidente del Napoli Aurelio de Laurentiis, harilasciato ai giornalisti presenti una serie di dichiarazioni interessanti a tutto tondo. Toccando diversi argomenti, commentati dal Patron azzurro nel linguaggio colorito e senza peli sulla lingua che da sempre lo contraddistingue. E cosi', il produttore cinematografico ha parlato a 360 gradi del ritorno di Pirlo all'Inter (apostrofandolo a modo suo), della vicenda legata al nuovo Stadio San Paolo, ha commentato criticamente il campionato di Serie A e infine ha anche parlato del mercato di gennaio dei partenopei. Tanta carne al fuoco, dunque, che vi riportiamo di seguito.

Pirlo e la questione Stadio

De Laurentiis ha parlato di due registi, passato e futuro della Nazionale italiana: Verratti e Pirlo. Quanto al primo, afferma di averlo lasciato andare al Paris Saint Germain con dispiacere. Quanto al secondo, ammette che sia il top, ma anche che, nel suo tipico parlare senza peli sulla lingua: ''è l’esempio del senza vergogna visto che se lo scambiano squadre che lottano per lo scudetto da sempre''.

Interpellato sullo Stadio, ammette che c'è dialogo con il Comune di Napoli e che con de Magistris si vuole bene. Ma afferma anche che non ha senso costruirne uno nuovo, giacché tra quattro anni, quando i lavori saranno finiti, sarà già inadeguato. Parole distensive e collaborative dunque, sebbene in questi anni più volte il Patron azzurro e la società si siano scontrati su questo tema, anche aspramente.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
SSC Napoli Calciomercato

Calciomercato e modifica Serie A

De Laurentiis ha poi commentato l'attuale formula del campionato di serie A, criticandola aspramente. La vorrebbe a sedici squadre, dicendo basta a squadre ''che salgono un anno e poi spariscono solo per prendere i soldi dei diritti tv''. Vorrebbe poi garanzie per evitare casi disastrosi come quelli del Parma. E dice senza mezzi termini che ''serve resettare tutto''.

Quanto al campionato del Napoli di Maurizio Sarri, dice che ''si diverte a giocare senza paura. E finalmente! Forse prima la paura era una scusa degli allenatori precedenti''. Quanto a Sarri, ritiene che la sua bravura sia ''stata quella di non bruciare i giocatori''. Avendo rivalutato anche giocatori quali Strinic e Maggio, che sembravano ormai fuori dal progetto.

Inevitabile un pensiero sul mercato di gennaio.

Essendo uno che non ha mai fatto pazzie, ovviamente non intende farne ora che, usando sue parole, ''la baracca funziona''. Nuovi innesti rischierebbero di turbare lo spogliatoio. Dice finalmente di avere due registi, Valdifiori e Jorginho, mentre Gabbiadini non se ne andrà. Insomma, De Laurentiis ha le idee chiare e ferme. Caratteristiche che lo contraddistinguono da quando è alla Presidenza del Napoli, ovvero ormai oltre undici anni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto