Inizia il conto alla rovescia in casa pitagorica in vista dell'importante sfida di campionato, posticipo della ventiduesima giornata di Serie B 2015/16 allo Stadio Comunale "Ezio Scida" tra i padroni di casa e i sardi del Cagliari Calcio, capolista e Campione d'Inverno guidati dall'ex tecnico irpino Massimo Rastelli. Un' attesa lunga ormai quasi un mese, che ha visto andare sold-out l'impianto - per l'occasione risistemato - già in fase di prevendita. Potrebbero invece essere solamente un centinaio i tifosi sardi che giungeranno in terra di Calabria per assistere alla gara.

Pasquato per Tounkara?

Dopo la partenza dei giorni scorsi del giovane attaccante classe 93' Marco Firenze, in prestito ai corregionali dell'U.S. Catanzaro, potrebbero essere le ultime ore in maglia pitagorica anche per un altro giovane attaccante, il biancoceleste Mamadou Tounkara, che con ogni probabilità tornerà alla casa madre, la Lazio, prima di essere girato nuovamente in prestito, con ogni probabilità alla compagine dell'Ascoli Picchio sempre militante in cadetteria. Di certo non mancano le alternative per il tecnico croato degli squali Ivan Juric che, dopo un inizio da titolare, ha sempre fatto meno delle prestazioni del giovane Mamadou, relegato ad un posto in panchina per tutto il girone di andata.

La dirigenza rossoblù - cosi come confermato dal D.S. Beppe Ursino - starebbe quindi lavorando per portare un elemento che possa completare e possibilmente migliorare sotto l'aspetto tecnico l'attacco. Il principale indiziato sarebbe stato trovato nel ventiseienne attaccante della Juventus e in prestito all'A.S. Livorno, Cristian Pasquato, talento dalle doti indiscusse e cecchino da calcio piazzato di cui già si era parlato nei giorni scorsi.

Per l'attaccante, con un passato anche nel Pescara e nel Bologna si potrebbe chiudere nelle prossime ore anche se ci sarebbe l'ostruzionismo da parte dei toscani che vorrebbero mantenerlo in rosa fino al termine della stagione.

Le prestazioni deludenti sotto la guida Mutti starebbero però facendo propendere la società di Torino verso una nuova sistemazione e quella del Crotone potrebbe essere una piazza gradita sia al calciatore che alla proprietà.