Inutile girarci attorno, anche se con il consueto garbo e dei toni bassi, Paulo Sousa ha mandato nelle ultime 72 ore messaggi chiarissimi alla Fiorentina sul Calciomercato. Tra la conferenza stampa pre Palemo-Fiorentina, le dichiarazioni dopo la vittoria in Sicilia e la conferenza stampa di oggi alla vigilia di Fiorentina-Lazio, il tecnico portoghese ha fatto capire che si aspettava dei giocatori nuovi già ad allenarsi con la sua squadra, prima parlando dell'importanza di non inserire troppo tardi i giocatori nuovi da far ambientare, e poi della necessità per le squadre che hanno meno budget di programmare e pianificare gli acquisti con anticipo.

In realtà un giocatore alla Fiorentina sarebbe già dovuto essere arrivato: si tratta di Lisandro Lopez. I termini economici del trasferimento sono piuttosto definiti da tempo, prima col prestito con obbligo di riscatto e poi, dopo l'infortunio di Luisao, con 8 milioni da versare subito cash, ma dal Portogallo temono di non trovare un sostituto all'altezza e continuano a nicchiare. Tra Lunedì e Martedì ci sarà comunque un nuovo incontro, forse stavolta decisivo.

Ma allora cosa ha indispettito Paulo Sousa? La prima cosa è che si aspettava dal 4 Gennaio 2 acquisti, invece a centrocampo non è arrivato nessuno, e seppure lui straveda per Lisandro, anche in difesa aveva dettato delle alternative precise in Società, da concludere in caso di rallentamento dell'affare con il calciatore che gioca in Portogallo (accetto di stare 4 mesi con 4 centrali per 3 posti, ma dal 1 Gennaio tu mi fai trovare un bel difensore ai Campini, questo era il patto), in particolare Joël Veltman, calciatore olandese, difensore centrale dall'Ajax e della sua Nazionale, indicazione che per ora non è stata presa in conderazione dai dirigenti della Fiorentina.

A centrocampo invece, se è vero che piace Missiroli, Sousa punterebbe ad un nome del calibro ben diverso, ed avrebbe chiesto a gran voce uno tra Nemanja Gudelj, centrocampista serbo (della Nazionale) anch'esso dell'Ajax, centrale ma che può giocare anche a destra, e poi Markus Henriksen, centrocampista centrale dell'Az Alkmaar e della nazionale norvegese di 23 anni.

Nessuno dei 3 ha costi proibitivi, ma il budget della Fiorentina è di circa 10-12 miioni di euro in tutto, e visto che non ci si aspetta delle cessioni economicamente pesanti in questa sessione di mercato, quei soldi per 3 acquisti a titolo definitivo potrebbero forse non bastare, soprattutto ora che su questi calciatori c'è anche l'interesse di altre squadre (da qui Sousa che si lamenta per non aver chiuso in precedenza su certi giocatori).

Difficile insomma schierarsi, in una situazione dove i Della Valle hanno ottenuto enormi risultati da quando sono a Firenze, nonostante introiti infinitamente inferiori a quelli delle big, ma quest'anno forse la classifica attuale potrebbe suggerire un sacrificio ulteriore, lo stesso che Paulo Sousa chiede.

Concludiamo dicendo che però non c'è assolutamente una frattura tra Sousa e la sua Società, semplicemente il tecnico portoghese si aspettava subito 2 arrivi scelti tra i 4 che aveva messo in lista, per colmare le lacune che il mercato di Agosto aveva lasciato in rosa, almeno a livello numerico e specie in difesa, ed allora in maniera garbata lo ha fatto presente rispondendo a delle domande precise che i giornalisti continuano a rivolgergli.