Il presidente dell'Inter, Erick Thohir, ha parlato dagli USA in un'intervista alla NCBC, della situazione dei nerazzurri. Il rapporto con Mancini è stato ovviamente l'argomento principale: "C’è un’ottima relazione con Mancini, malgrado qualche discussione. Ci sono delle opinioni discordanti tra me e lui, ma è importante lavorare per la squadra. Questo è l’anno per portare due, tre nuovi giocatori in rosa.

Icardi? È importantissimo per il gruppo. Ognuno si augura che il valore possa essere superiore ai 60 milioni. Ma per noi al momento non è importante questo. Costruiamo un team, dobbiamo guardare alla dinamica. L’Inter sarà qui per centinaia di anni ancora, il presidente può essere invece cambiato, il management e i giocatori anche. È l’Inter che è importante, è l’Inter che deve rimanere. L’Inter è il top team che è costituito da individui, i quali possono cambiare.

Ma non per me, ma per tutti. Questo cambiamento potrà avvenire ogni anno".

"Nel calcio non è mai facile fare previsioni, ci sono molte cose di cui parlare e da condividere, bisogna lavorare insieme e condividere i punti di vista per fare qualcosa di grande. Quello dell'allenatore è un ruolo molto importante, i rapporti tra allenatore e società sono buoni, ogni tanto abbiamo avuto delle divergenze, ma è un buon rapporto.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Inter

È importante che ognuno condivida i propri punti di vista, ma poi dobbiamo lavorare tutti insieme, di squadra. Il calciomercato è un momento importante e i tifosi vogliono sempre volti nuovi. Stiamo lavorando insieme in questa pre-stagione, abbiamo avuto alcuni match impegnativi e dobbiamo lavorare ancora perché i tifosi chiedono di più".

Thohir e il mercato

Il presidente nerazzurro continua dicendo: "I calciatori vanno e vengono, ma siamo una squadra importante e vogliamo trattenere i nostri giocatori chiave.

Nelle ultime due stagioni abbiamo portato 15 nuovi innesti. Se guardiamo alla formazione titolare ci sono solamente due giocatori rispetto a qualche anno fa. Proveremo ad aggiungere qualcuno alla rosa, ma non sette o otto come un anno fa. Banega è un grande acquisto, giocando l'Europa League abbiamo bisogno di un team competitivo. Icardi è un giocatore importante per la nostra squadra, il nostro capitano".

"Il mercato è deciso insieme dal management e da Suning, nel calcio è importante avere una visione comune tra allenatore, direttore sportivo e dirigenza.

La decisione di comprare o vendere un giocatore non è solo mia, devo parlare con il mio team. Ora è importante con Suning capire come possiamo, insieme, rendere più grande l'Inter. La gente ha detto che il mio è stato un periodo di transizione ed è vero, non lo nego. Abbiamo rinnovato San Siro, i nostri ricavi sono cresciuti da 164 a 186 milioni e i nostri tifosi ora sono 311 milioni. Sono molto contento di questa transizione".

Infine, Thohir chiude così: "La cosa più importante per me è prendere un giocatore importante per la squadra, a me è sempre piaciuto Messi.

Ma lui è uno dei migliori al mondo, sarebbe un sogno. La realtà ci dice che l’Inter non può permetterselo al momento, perché vorrebbe partecipare alla Champions League e noi non possiamo garantirglielo adesso. I giocatori verrebbero da noi se potessimo assicurarglielo, ma per ora non si può, in futuro speriamo di poterlo fare".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto