Di solito è improprio parlare di "miracolo" quando si tratta una materia "leggera" come quella dello sport e del calcio in questo caso. Tuttavia il termine in questione non è completamente fuori luogo se si accosta alla situazione di classifica dell'Inter, che poco più di due mesi fa occupava il 14° posto in graduatoria durante la gestione De Boer e adesso invece sogna addirittura la qualificazione alla Champions League dopo gli incredibili risultati di ieri che hanno visto cadere la Roma a Genova contro la Sampdoria e pareggiare il Napoli contro il modesto ma orgoglioso Palermo.

Il merito principale della rinascita nerazzurra è di Stefano Pioli. Tifoso interista da sempre (componente non necessaria per un professionista ma a volte importante), l'ex tecnico della Lazio si è calato fin da subito nella realtà di Appiano Gentile grazie anche al pieno sostegno da parte del gruppo Suning e soprattutto dei dirigenti Ausilio, Gardini e Zanetti che fin dai primi colloqui con l'allenatore hanno sostenuto la sua candidatura per riportare in alto la squadra.

E così è stato: dal suo arrivo sulla panchina dell'Inter alla 13° giornata (derby con il Milan), Pioli ha messo in cascina 25 punti frutto di 8 vittorie, 1 pareggio (contro i cugini rossoneri) ed 1 solo k.o. (0-3 in quel di Napoli): numeri da Champions League, addirittura da scudetto se non fosse per una Juventus che si è potuta permettere di perdere 4 gare a fronte di 17 vittorie in altrettanti incontri.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Inter Champions League

Sette sono i successi di fila conseguiti da Icardi e compagni (non succedeva dalla stagione 2012/13, allenatore Andrea Stramaccioni), appena due le reti subite durante questa invidiabile striscia di vittorie. Non solo: l'Inter ha visto andare a segno molti giocatori della rosa oltre a "Maurito", basti pensare al vice-capocannoniere Perisic, al ritrovato Eder e a Joao Mario.

Adesso due ostacoli da non sottovalutare: il quarto di finale di Coppa Italia contro la Lazio (domani sera) e il derby d'Italia di domenica prossima contro la Juventus.

Due appuntamenti da non fallire, per continuare a sognare in grande. Da Inter.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto