L'ultima volta che un giocatore svedese è approdato in maglia bianconera facendo la differenza, la società torinese ha vissuto due anni tra magie con il pallone e un carattere ambizioso quanto determinato. Allora era un certo Zlatan Ibrahimovic, oggi le idee di mercato virano su altri punti: la caccia al centrocampista di rinforzo chiesto dal tecnico Massimiliano Allegri non si ferma, ma tante sono le idee e poche sono le risposte positive.

Luiz Gustavo, Corentin Tolisso, Rodrigo Bentancur: tutti atleti che ricorrono da settimane, ma per i quali le rispettive società non sono disposte a privarsi adesso. Tuttavia, un'altra pista è spuntata recentemente: si tratta di Robin #Quaison.

Lo "Xavi" svedese nei radar della Juventus

Il centrocampista classe 1993 è nato a Stoccolma da padre ghanese e mamma svedese, è cresciuto nell'AIK, uno dei migliori centri di formazione della nazione: fu acquisito dal Palermo per 2 milioni di euro.

Quaison è noto per le sue ottime doti tecniche e la sua abilità nel mettere bene i suoi compagni nella posizione ideale per segnare, tanto da essere considerato lo "Xavi" scandinavo: presenta un notevole piede con cui riesce a dispensare assist, mettere a terra gli avversari con i dribbling e favorire taglienti verticalizzazioni, ma soprattutto è un giocatore estremamente duttile, in grado di ricoprire qualsiasi ruolo di centrocampo, dalla posizione di regista davanti alla difesa al ruolo di trequartista.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus

Fisicamente è molto coordinato e veloce nei movimenti, ma ha anche la forza e l'aggressività per essere un buon giocatore di spinta. Insomma, un giocatore dall'alto potenziale che aspetta la chiamata delle big. La #Juventus vorrebbe averlo adesso per poi girarlo in prestito fino alla fine della stagione e andare a rimpinguare un reparto che ha sempre bisogno di addetti per il futuro.

Quaison-Juve: è la mossa giusta?

Il passaggio di questo giocatore in maglia bianconera, se dovesse avvenire, sarebbe positivo a livello di roster e di potenziale da esprimere ad alti livelli (quest'anno 16 presenze e 4 gol); c'è anche un' incognita: parliamo di un atleta che non ha mai sostenuto carichi più intensi in Serie A e in questo momento ai bianconeri servono più certezze che scommesse.

Sarà la mossa giusta?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto