A distanza di due giorni da Inter-Roma, arriva un clamoroso retroscena, secondo il quale i nerazzurri avrebbero tenuto nascosto che tre giocatori non potevano giocare e, guarda caso, sono stati i peggiori in campo. Secondo quanto è stato riportato da ''Tutto Sport'', infatti, ci sono le condizioni non ideali di tre titolari alla base della sconfitta a San Siro dell'Inter contro la Roma.

Poche ore dopo la sconfitta, arriva dunque il clamoroso retroscena su tre giocatori: Geoffrey Kondogbia, Ivan Perisic e Marcelo brozovic che sarebbero scesi in campo nonostante fisicamente non fossero al meglio.

Stando a quanto trapelato, il francese ha giocato con la tonsillite, l'attaccante esterno croato era debilitato da problemi di stomaco mentre il centrocampista è sceso in campo solo grazie a delle infiltrazioni. La società ha tenuto tutti all'oscuro per non dare alibi ai giocatori e per non creare disagio all'ambiente prima della gara. Problemi che si sono visti in campo, con i giallorossi nettamente più in forma su alcuni episodi, nonostante ci siano stati anche errori dell'arbitro Tagliavento.

Cosa è mancato?

All'Inter sono mancate soprattutto le accellerazioni di Ivan Perisic sulla zona esterna d'attacco, dove il croato doveva essere la pedina fondamentale nel ribaltare il gioco nell'area della Roma. Anche a centrocampo è venuto a mancare Kondogbia come Brozovic proprio lì dove il belga Naiggolan ha giganteggiato per tutta la gara (non a caso nel secondo gol ha avuto troppa libertà prima di calciare il pallone alle spalle di Samir Handanovic).

Anche per questo si è visto meno Roberto Gagliardini che doveva lavorare per due spesso in zone del campo per lui innaturali. Non a caso è stato proprio Marcelo Brozovic il primo cambio di Stefano Pioli al 9' minuto del secondo tempo, quando al suo posto è entrato Eder. Il croato era uno dei tre non al meglio. Ed ecco come è nata la giornata storta dell'Inter che, ora dovrà cercare di rimediare contro il Cagliari e sperare in un passo falso del Napoli proprio contro i giallorossi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto