In casa Inter continuano a circolare varie voci sui possibili obiettivi in questa sessione di calciomercato. Tanti sono i nomi accostati al club nerazzurro ma, fino a questo momento, ancora non c'è stato nulla di concreto se non l'acquisto di tre giocatori: Daniele Padelli dal Torino a parametro zero, il difensore slovacco Milan Skriniar dalla Sampdoria per venticinque milioni di euro (nella trattativa è entrato l'attaccante Gianluca Caprari, valutato quindici milioni di euro) ed il centrocampista spagnolo Borja Valero dalla Fiorentina per cinque milioni di euro più bonus.

Acquisto che, però, non accontentano del tutto i tifosi che si attendono i grandi colpi, soprattutto in virtù a quanto è stato fatto filtrare dalla società prima del 30 giugno, secondo cui una volta raggiunto il pareggio di bilancio ed eliminati i paletti imposti dal Fair Play Finanziario, ci si sarebbe divertiti sul mercato. A scalfire l'umore dei sostenitori dell'Inter, inoltre, si aggiunge il doppio colpo messo a segno dal Milan venerdì, con l'approdo del difensore della nazionale italiana, Leonardo Bonucci, dalla Juventus per quaranta milioni di euro e del centrocampista argentino della Lazio, Lucas Biglia, per venti milioni di euro.

Colpo a centrocampo?

Sembra certo che l'intenzione di Suning sia quella di mettere a segno un grande colpo a centrocampo.

I nerazzurri seguono con grande insistenza il centrocampista belga della Roma, Radja Nainggolan. Una trattativa confermata sia dal direttore tecnico, Walter Sabatini, che, durante la conferenza stampa di venerdì ha dichiarato come sia pronto a piombare sul giocatore qualora le trattative per il rinnovo con i giallorossi dovessero arenarsi, sia dal tecnico, Luciano Spalletti, che al termine dell'amichevole persa ieri contro il Norimberga per 2-1, ha svelato come la società stia provando a portare a Milano il calciatore.

Ma l'Inter vuole cautelarsi per non restare a mani vuote e per questo motivo avrebbe individuato l'alternativa ai Ninja. Si tratterebbe del centrocampista uruguaiano della Fiorentina, Matias Vecino. Il giocatore è stato accostato alla società nerazzurra già a gennaio, prima dell'approdo di Roberto Gagliardini, e potrebbe lasciare Firenze alla luce della crisi che sta attanagliando la società viola.

Stando a quanto riportato da Premium Sport, il club nerazzurro sarebbe pronto a pagare la clausola rescissoria per accaparrarsi il calciatore, che ammonta a ventiquattro milioni di euro.