Il progetto interista appare piuttosto definito. Mancano ancora pochi dettagli e la creatura di Luciano Spalletti somiglierà molto a quella che il tecnico avrebbe voluto sin dal momento del suo insediamento: acquisti mirati, correzioni chirurgiche e nessuna rivoluzione, puntando sui punti di forza già presenti in organico. C'è però la possibilità che da qui alle prossime due settimane possa davvero avvenire qualcosa che, allo stato attuale, parrebbe inaspettato.

La cessione

Quando si fa riferimento ad una partenza che non pare prevista ci si riferisce a quella di Antonio Condreva.

L'Interesse da parte del Chelsea di Antonio Conte nei suoi confronti non si è mai sopito e c'è chi giura che nei prossimi giorni i Blues potrebbero tornare alla carica con una grande offerta per il calciatore. Se le sterline messe sul tavolo dovessero essere sufficienti a soddisfare le pretese dell'Inter più di un indizio lascia credere che non si faranno le barricate per trattenere il giocatore, poiché si tratta di un elemento che ha ormai trent'anni (e dunque con ancora poche possibilità di generare una plusvalenza per il proprio bluc). Inoltre sta per arrivare Cancelo che sarebbe un interprete dello stesso ruolo, sempre che il portoghese torni a manifestare gradimento per un ruolo che gli era un po' indigesto a Valencia (preferisce giocare terzino).

Inoltre è sempre in piedi l'ipotesi Karamoh del Caen che è un esterno offensivo classe 1998 che presto potrebbe diventare nerazzurro. Considerarlo da subito un titolare potrebbe, però, rappresentare un rischio, dato che si tratta di un giovane che andrebbe centellinato e fatto crescere senza mettergli troppe pressioni, in un teatro che ne offre tantissime come San Siro.

L'ipotesi

Per sostituire Candreva, però, arriva da Tuttomercatoweb un'ipotesi che sarebbe sicuramente suggestiva, dato che rivela la possibilità di un'operazione di mercato con il Milan. I nerazzurri, infatti, sarebbero pronti a offrire circa venticinque milioni per avere Suso, a quel punto toccherebbe all'altro club meneghino fornire una risposta ai dirigenti interisti. Non sarebbe la prima volta che le due squadre milanesi danno vita ad operazioni di mercato, ma l'idea che un calciatore possa saltare da una sponda all'altra resta sempre un qualcosa che fa un certo effetto.

Nel frattempo per immaginare scenari di questo tipo occorrerà attendere di conoscere il futuro di Candreva.