L'Inter sa che sul finire di questo calciomercato deve effettuare almeno due colpi di coda, quelli che potrebbero servire per portare alla corte di Luciano Spalletti le due pedine che servono per completare un mosaico che ha dato quasi l'impressione di avvicinarsi alla perfezione nelle prime due giornate di campionato.

Servono un difensore centrale e probabilmente un attaccante, ma bisogna anche mettere in conto il fatto che esiste la necessità di adeguarsi a quelli che sono i parametri del fair play finanziario.

Suning è un vero e proprio colosso che sta alle spalle della società nerazzurra, ma gli stringenti canoni che vengono dati dall'Uefa rispetto alle possibilità di investimento impongono dei calcoli che vanno al di là della disponibilità economica di ciascun proprietario di un club.

Mercato Inter, una cessione in vista?

Dovesse arrivare una cessione importante tra i tanti giocatori in esubero, la disponibilità di denaro da poter investire nell'ultimo scorcio di mercato aumenterebbe sensibilmente. Da tempo ad esempio si spera che Jovetic possa accettare un'offerta tra quelle che gli sono arrivate: in un caso il club nerazzurro avrebbe incassato sedici milioni di euro dal Burnley, in un altro tredici dal Newcastle.

Entrambe le proposte sono state cestinate dal giocatore che, evidentemente, non ha molta voglia di tornare in Premier League dove è arrivato al Manchester City pagato a peso d'oro ma non ha mai lasciato il segno.

Cosa accade adesso?

Il calciatore ha un ingaggio importante (circa 2,5 milioni) e pochi club potrebbero permettersi uno stipendio come il suo.

Il desiderio principale sarebbe quello di restare in Italia, ma le possibilità sono ridotte al lumicino. Secondo l'esperto di mercato Alfredo Pedullà i club potenzialmente interessati al montenegrino giocano in Ligue 1, un campionato per il quale esisterebbe un'apertura del giocatore. Monaco e Marsiglia, in particolare, sarebbero i club pronti a valutare a fondo la situazione del giocatore, mentre non sembra esserci traccia del Siviglia, club che solo qualche mese fa non ha esercitato il diritto di riscatto e che si pensava potesse tornare alla carica.

C'è chi, inoltre, paventa la possibilità di un inserimento del calciatore nell'operazione Keita con la Lazio, ma per quell'operazione Lotito vuole ragionare soltanto sulla base di soldi e non di scambi. L'eventuale operazione Jovetic avrebbe luogo in separata sede.