L'Inter, vittoriosa per 3-1 sul Villarreal a San Benedetto del Tronto, coi gol di Eder, Jovetic e Brozovic, intervallati dalla rete di Soldado, esce ancora più convinta dei propri mezzi e rassicurata sul lavoro di Luciano Spalletti, che sta lentamente ma inesorabilmente rendendo la squadra nerazzurra un vero blocco granitico. Passando alla cronaca della partita, c'e da segnalare un primo tempo veramente al di sopra delle righe da parte della formazione interista, che ha giocato soprattutto una splendida prima mezz'ora, mentre negli ultimi 15 minuti del primo tempo, i forti spagnoli del Villarreal - quinti nell'ultima Liga - sono venuti un po' fuori e hanno impensierito l'Inter, sfruttando le loro doti naturali di palleggio, fraseggi stretti e tocchi di prima.

Il secondo tempo ha visto scendere notevolmente i ritmi, complice anche il caldo afoso di questo periodo e le innumerevoli sostituzioni da una parte e dall'altra. Per l'Inter, solo Nagatomo è rimasto in campo per tutta la gara. A fine partita, Spalletti è parso visibilmente soddisfatto, ma anche attento a mettere in evidenza le lacune della squadra su cui sarà necessario intervenire per perfezionare il lavoro.

Un accenno doveroso va fatto allo splendido pubblico del "Riviera delle Palme": 14.000 spettatori festanti, tanti bambini e tifosi visibilmente soddisfatti per la nuova Inter che sta nascendo. Ulteriore notizia positiva della serata, la conclusione dell'affare Dalbert: il terzino sinistro brasiliano ormai ex Nizza sarà a Milano nella serata di lunedì, e martedì svolgerà le visite mediche di rito prima di apporre la propria firma sul contratto.

Un bel rinforzo per Spalletti. Durante le visite mediche si incrocerà con Emre Mor, proveniente dal Borussia Dortmund?

Le pagelle

Handanovic 6,5 - Sul gol avrebbe potuto fare qualcosa di meglio, sempre pronto e preciso a far ripartire l'azione. Sicuro.

D'Ambrosio 6,5 - A volte impreciso in fase di impostazione, svolge le due fasi in maniera attenta ed equilibrata.

Skriniar 8 - Il migliore in campo, sempre attento e concentrato, sbroglia molte situazioni intricate. Esce tra gli applausi.

Miranda 7 - Con Skriniar accanto sembra ringiovanito, altra prova convincente. Sempre puntuale e attento nelle chiusure.

Nagatomo 7 - Beccato dai tifosi nella prima parte, esce fuori alla distanza. Motorino continuo che piace molto a Spalletti.

Gagliardini 6,5 - Più sicuro e preciso di altre volte, il ragazzo sta sicuramente crescendo e acquisendo sicurezza.

Borja Valero 7,5 - Vero faro del centrocampo, detta i ritmi e verticalizza quando è necessario. Acquisto top.

Candreva 6,5 - Meglio di altre volte: suo il cross per il primo gol di Eder. Buono nelle proposizioni e nel pressing.

Joao Mario 7 - Parte benissimo poi si adagia un pochino. Si sta però vedendo il talento di questo ragazzo. Rigenerato.

Perisic 6 - Meno pimpante del solito, ma pur sempre spina costante per gli avversari. Da confermare assolutamente.

Eder 7,5 - È il suo pre-campionato: continua a fornire prestazioni top condite da gol. Rapace in occasione della prima rete.

Ansaldi 6 - Rileva D'Ambrosio sulla destra senza infamia e senza lode. Ancora un po' arrugginito.

Ranocchia 6 - Subentra a Skriniar, e ha solo 10 minuti o poco più per mettersi in mostra. Fa il suo, qualche buona chiusura.

Murillo 6 - Entrato in campo al posto di Miranda, ha mostrato qualche amnesia difensiva: una palla persa che avrebbe potuto provocare un gol.

Kondogbia 6,5 - Al posto di Gagliardini fa il suo, aggiungendovi alcuni spunti di alta scuola. Tuttavia, sono troppo pochi per essere efficaci.

Icardi 6,5 - Entra in campo per Borja Valero, e subito si fa vedere con uno splendido assist per il gol di Brozovic. Alla ricerca della migliore condizione fisica.

Brozovic 7 - Rileva Candreva, gioca un tempo intero, sbaglia poco, si propone, pressa e fa un bel gol.

Positivo.

Vecino 6,5 - Esordio assoluto con la maglia dell'Inter, il giocatore c'e e si vede. Da affinare l'intesa coi compagni.

Barbosa 7 - Spalletti lo manda in campo al posto di Perisic. Protagonista di un buon pre-campionato è sempre nel vivo dell'azione e propositivo. Da tenere stretto.

Jovetic 7,5 - Rileva Eder: altra grandissima prestazione di talento e abnegazione al ruolo. Gol da primi 5 al mondo.

Spalletti - Il mister va avanti per la sua strada e, di partita in partita, si vedono costantemente miglioramenti nella squadra e nei singoli. Allenatore di livello.