Dopo un'estate non proprio semplicissima per la Juventus, ora si iniziano a tirare le somme e quello che poteva sembrare un addio pesante e difficile da gestire, adesso altro non è che quasi una rivincita piena. Dopo la delusione di Cardiff, l'aver perso la seconda finale di Champions League in tre anni, sono successi vari eventi che sembravano aver minato la tranquillità dell'ambiente bianconero. La società di Corso Galileo Ferraris ha però reagito a dovere, tanto da riuscire a mantenere altissimo il livello di una squadra che può tranquillamente competere con le altre big d'Europa.

L'obiettivo è la coppa dalle grandi orecchie, e per quanto difficile sia da raggiungere, guai a non provarci. Intanto, dopo le critiche per le operazioni di mercato e le prime sette giornate di campionato, ecco che i bianconeri si tolgono qualche sassolino dalla scarpa. Uno di questi è John Elkann. Il cugino di Andrea Agnelli, secondo quanto riferito dal Corriere dello Sport ha voluto punzecchiare l'ex centrale della Juventus Leonardo Bonucci. Parole chiare le sue, che vanno a difendere l'orgoglio della Vecchia Signora: "Adesso Bonucci sta capendo cosa significa lasciare la Juventus".

Sulla questione Bonucci anche Del Piero

Sulla questione Bonucci si è espresso negli ultimi giorni anche Alessandro Del Piero, parole importanti quelle dell'ex numero dieci bianconero, che dall'alto della sua esperienza dimostra che anche a parole sa farci bene tanto quanto faceva coi piedi.

Secondo il mai dimenticato Alex Del Piero, profondo conoscitore del mondo del pallone, questo mondo è fatto di meccanismi complicati. L'ex numero 10 nell'intervista ha ricordato Leo Bonucci quando arrivò a Torino. Il difensore, a dire di Alex, negli anni è migliorato tantissimo facendo dei progressi giganteschi, è un leader e un professionista scrupoloso.

Ovviamente, a farlo migliorare così tanto è stato anche giocare nella Juve secondo Del Piero, e nonostante i bianconeri abbiano sempre fatto grossi cambiamenti, toccare una fortezza come BBC (Barzagli - Bonucci - Chiellini) non è certamente cosa semplice. Quella di Bonucci è stata una grave perdita secondo 'Pinturicchio', anche perché cambiare la difesa non è mai come cambiare l'attacco.

Alex Del Piero elogia poi Rugani, anche se non è del tutto certo che possa essere lui l'erede di Bonucci. Probabilmente, come tantissimi altri juventuni, anche per Alex l'addio di Leonardo sarà stato uno shock, ma la maturità dell'ex numero 10 lo porta ad usare parole gentili anche per chi ormai bianconero non lo è più.