In casa Inter è un ottimo momento visto il primo posto in classifica, seppur momentaneo, dopo la vittoria contro la Sampdoria per 3-2 di ieri sera grazie al gol di Milan Skriniar e alla doppietta del centravanti argentino Mauro Icardi. Nerazzurri a più uno sul Napoli, a quota ventisei punti, con gli azzurri impegnati questa sera allo stadio Ferraris di Genova contro il Genoa.

Il match di ieri, comunque, ha messo in mostra l'ottimo momento di forma del centrocampo nerazzurro, composto dal trio Roberto Gagliardini, Matìas Vecino e Borja Valero, con lo spagnolo dietro le punte a fare il ruolo di tuttocampista, smistando il pallone e offrendo la sua qualità al servizio della squadra.

Relegato in panchina, ancora una volta, il fantasista portoghese, Joao Mario, che quest'anno ha giocato da titolare solo tre volte, subentrando a partita in corso in ben sei occasioni. Anche ieri il suo ingresso non ha inciso, non dando il contributo che i tifosi si aspettavano, perdendo qualche palla di troppo e sembrando anche in ritardo di condizione rispetto ai propri compagni, anche a causa, probabilmente, della tonsillite che lo ha colpito alla vigilia del derby di Milano contro il Milan.

Scambio con il Psg

Le prestazioni fornite da Joao Mario e dal centrocampista croato, Marcelo Brozovic (convincente solo contro il Benevento con una doppietta), hanno portato il tecnico dell'Inter, Luciano Spalletti, a chiedere un rinforzo in quel reparto per la prossima sessione di calciomercato, a gennaio.

In quest'ottica potrebbe essere intavolata una clamorosa trattativa con il Paris Saint Germain, che ha già manifestato il proprio interesse per l'ex giocatore dello Sporting Lisbona l'estate scorsa.

Come riportato da Tuttosport, il direttore sportivo del club parigino, Antero Henrique, è un grande estimatore di Joao Mario e si è pronti a trattare uno scambio sorprendente con l'Inter.

I nerazzurri, infatti, hanno messo gli occhi sul fantasista argentino, Javier Pastore, relegato costantemente in panchina da Unay Emery, soprattutto dopo l'acquisto di Neymar e Kylian Mbappè.

Il direttore tecnico, Walter Sabatini, è un grande estimatore del Flaco, avendolo portato lui nel grande calcio al Palermo dall'Huracan nell'estate del 2009 e cedendolo due anni dopo proprio al PSG per oltre quaranta milioni di euro.

Pastore sarebbe propenso a lasciare Parigi per non rischiare di perdere il mondiale in Russia con la nazionale argentina.