Lorenzo Insigne figura nell'elenco dei convocati e, quasi sicuramente, sarà titolare dal primo minuto questa sera contro l'Inter (calcio d'inizio alle ore 20.45). Tirano pertanto un sospiro di sollievo i supporters del Napoli che, negli ultimi giorni, avevano temuto di dover fare a meno del fantasista nel big-match, dopo il problema fisico che lo aveva visto allenarsi a parte.

Insigne si allena con i compagni

Stamani i giocatori di mister Sarri hanno effettuato la rifinitura a Castel Volturno, Insigne si è allenato regolarmente con la squadra. L'impressione è che stasera partirà dal primo minuto nel tridente composto insieme a Mertens e Callejon.

Pochi dubbi, pertanto, su quella che sarà la formazione anti-Inter della capolista. Sarri schiererà il suo consono 4-3-3 con Reina in porta; Hysaj e Ghoulam esterni in difesa con Albiol e Koulibaly centrali. Centrocampo di marca brasiliana con Allan e Jorginho insieme ad Hamsik. In attacco il temutissimo trio, Mertens, Callejon ed Insigne. Praticamente la formazione tipo di quella che, fino ad oggi, è stata la squadra più forte del massimo campionato italiano.

Qui Inter, Nagatomo ancora titolare

Sul fronte nerazzurro, Luciano Spalletti dovrebbe schierare la stessa squadra che ha vinto il derby della Madonnina. Pertanto anche qui andrà in scena il canonico 4-2-3-1 del tecnico toscano con Handanovic a guardia della porta, Miranda e Skriniar centrali difensivi, D'Ambrosio e Nagatomo sulle corsie esterne.

Il nazionale giapponese pertanto verrà preferito ancora una volta al brasiliano Dalbert. A centrocampo, la linea mediana sarà composta da Gagliardini e Vecino, con Borja Valero sulla trequarti spalleggiato da Candreva sulla destra e Perisic sulla sinistra. In avanti, con 'licenza di uccidere', c'è naturalmente Maurito Icardi.

Napoli a caccia del record

Le otto vittorie consecutive fin qui conseguite rappresentano il miglior filotto della storia del Napoli, nemmeno ai tempi di Maradona la formazione partenopea aveva messo in fila una tale serie vincente. Se gli uomini di Sarri dovessero fare bottino pieno anche stasera, oltre ad inscenare la prima vera fuga in vetta alla classifica sarebbero ad un solo passo dal record assoluto di vittorie iniziali (10) stabilito dalla Roma nella stagione 2013/2014.

Il record assoluto di vittorie consecutive invece appartiene all'Inter con 17, stabilito nella stagione 2006/2007. Per la Beneamata, invece, c'è un tabù da sfatare: l'ultima vittoria ottenuta a Napoli è vecchia di vent'anni, stagione 1997/98, quando i nerazzurri di Gigi Simoni si imposero 2-0 con gol di Galante ed autorete di Turrini. La statistica è comunque relativa al solo campionato, perché il 19 gennaio del 2016 il club milanese uscì vincitore dal San Paolo in un match valido per i quarti di finale della Coppa Italia. Anche in questa circostanza il risultato fu di 2-0, gol di Jovetic e Ljajic. L'ultimo successo dei partenopei è quello del dicembre dello scorso anno, 3-0 firmato da Zielinski, Hamsik ed Insigne.

Lo scarto di tre gol rappresenta la vittoria più netta da parte del Napoli nei confronti dei nerazzurri, registrato in altre tre occasioni: 4-1 nel 1929 e 3-0 nel 1933 e 1948, oltre a quello già citato del 2016. I successi più larghi dell'Inter sono, invece, il 4-0 del 1951 ed il 5-1 del 1963. Il match con più reti è, infine, il 4-3 in favore dei nerazzurri del 10 febbraio 1980. Le statistiche sono relative alle sole sfide tra le due formazioni disputate a Napoli dove il bilancio è favorevole ai padroni di casa con 40 vittorie contro le 21 dell'Inter e 20 pareggi su un totale di 81 confronti tra campionato e Coppa Italia.