Il Milan si affaccia alla finestra di mercato di gennaio con la testa colma di pensieri, ma con la consapevolezza che comunque vada non sarà un mese in cui bisognerà perdere tempo. Inutile girarci attorno: nella tifoseria c' è una certa preoccupazione per quanto sta avvenendo attorno alla società rossonera. Ad oggi, infatti, nessuno sa chi sarà il proprietario del club tra un anno, non si sa se si riuscirà a dare le garanzie dovute all'Uefa, come sarà risolta la vicenda Donnarumma e su queste basi quale sarà il progetto tecnico per le prossime stagioni.

C'è, ad esempio, una certa convinzione che Rino Gattuso possa essere considerato solo un traghettatore. E alla luce di tutti questi interrogativi si si chiede quale possa essere la funzione della finestra di gennaio.

Calciomercato gennaio: le strategie possibili

Il Milan a gennaio potrebbe essere orientato da diverse necessità. Se ad esempio dovesse farsi impellente l'assoluto bisogno di fare cassa potrebbe addirittura partire Donarumma, ma la sensazione è che per un addio di questo tipo occorrerà eventualmente aspettare giugno. Nella prossima campagna acquisti, invece, si potrebbe precedere in direzioni precise. La prima, ad esempio, potrebbe essere quella di valutare se esistono offerte per calciatori che sono arrivati in estate e che, ad oggi, corrono il rischio di essere svalutati in fretta.

Andrè Silva, ad esempio, gode dell'interesse dell'Arsenal e se i Gunners dovessero mettere sul piatto più di trenta milioni appare difficile che il Diavolo possa fare scudo. Un po' come realmente un club turco dovesse bussare con venti milioni in contanti per avere Calhanoglou. Limitare i danni contribuirebbe ad alleggerire il bilancio e ad avere la possibilità di reinvestire subito in giocatori che potrebbero tornare utili da subito e per le stagioni future, magari nella logica di una totale rifondazione tecnica.

Mercato: al Milan giocatori pronti?

Il Milan, a gennaio, si libererà dei calciatori meno utilizzati e proverà a prenderne altri che possano essere funzionali da subito al progetto. Dembelè del Tottenham ad esempio è da tempo considerato il rinforzo ideale per il centrocampo, il fatto che abbia il contratto in scadenza tra un anno e mezzo potrebbe favorire un acquisto a prezzo di saldo.

Il nome nuovo per la stessa casella, ma mica tanto nuovo, è quello di Badelj della Fiorentina: il calciatore è in scadenza nel 2018 e per pochi spiccioli potrebbe arrivare già a gennaio.