La missione è di quelle veramente toste. Dal canto suo, Walter Sabatini è uno di quei dirigenti che ne ha viste e passate talmente tante da non potersi permettere di aver paura di fallire. Il direttore nerazzurro cercherà di sbrogliare la matassa e far capire alla società che in questo momento la squadra nerazzurra e il suo tecnico hanno vitale necessità di forze fresche e di qualità. Superando gli ostacoli e i numerosi paletti del fair play finanziario attraverso qualche necessaria e al momento ingombrante cessione.

Dopotutto, i mal di pancia iniziano a essere palesati anche da Luciano Spalletti, il tecnico fino a questo momento aveva sposato in maniera anche romantica la causa nerazzurra, comprendendo tutte le lacune tecniche e numeriche più che evidenti in rosa.

Davanti alla chiara evidenza anche l'allenatore di Certaldo si è dovuto arrendere e reclamare a viva voce rinforzi in alcuni reparti. Nell'ultima giornata di campionato, la squadra nerazzurra, complici gli infortuni di Miranda e Ranocchia, si è vista costretta a schierare come centrale difensivo Davide Santon e a fare un "balletto" di cambi sugli esterni per diversa parte della gara. Tutto ciò che è stato fatto di buono nella prima parte della stagione potrebbe essere vanificato. Questo e molto altro è quello che Walter Sabatini cercherà di far capire al Gruppo Suning. Mai come questa volta il dirigente si augura che le sue parole possano fare centro nella trattativa probabilmente più difficile della sua carriera.

I cinesi, si sa, sono ossi duri e non mollano facilmente la prese e le loro convinzioni se non davanti a fatti economici e tecnici concreti e riscontrabili.

Il punto sul mercato

L'obiettivo più semplice a cui arrivare in difesa è senza dubbio quello di Bastoni dell'Atalanta. Il difensore centrale classe '99 già dell'Inter potrebbe anticipare il suo arrivo a Milano.

Luciano Spalletti gradirebbe un giocatore più esperto, ma farà di necessità virtù. I nomi nel taccuino dei dirigenti nerazzurri sono sempre gli stessi, ma si dovranno verificare una serie di combinazioni e opportunità per cui poi qualcuno di questi vesta realmente la maglia nerazzurra. I calciatori su cui hanno messo gli occhi i dirigenti interisti sono Pastore del Paris Saint Germain, Deulofeu del Barcellona, Mkhitaryan del Manchester United e Yanga-Mbiwa del Lione.

Un altro calciatore interessante per l'Inter potrebbe essere Verdi del Bologna, nel caso in cui il Napoli non riuscisse a chiudere la trattativa.