Fiorentina-Juventus non può essere una partita normale. Dai tempi del rigore di Brady a Catanzaro la rivalità tra i due club è sempre stata altissima, peggiorata dopo il passaggio di Roberto Baggio ai rivali [VIDEO] bianconeri. Venerdì sera, per l'anticipo di campionato al Franchi tra le due squadre, la curva Fiesole - cuore del tifo fiorentino - ha fatto sapere che non ci sarà coreografia per protesta contro i Della Valle. Ma i veleni ci saranno eccome. La città di Firenze è stata infatti tappezzata di adesivi che inneggiano alla strage dell'Heysel, in cui morirono 39 tifosi della Juventus. Si legge sugli adesivi: '-39: nessun rispetto'. Non un bel viatico per la sfida di calcio tra Fiorentina e Juve, che si preannuncia spettacolare.

Non vanno naturalmente condannati tutti i tifosi della Fiorentina, né tutta la città di Firenze, ma la frangia più calda sì. Né si può tacere sul fatto che pure dall'altra parte, quando c'è la sfida con la nemica Viola, lo sfottò tracimi nell'ignoranza e nell'inciviltà. Se qualche mese fa si parlava degli adesivi lasciati dai tifosi della Lazio in Curva Sud, a Roma, su Anna Frank e sull'equazione: Tifosi della Roma = Ebrei, adesso siamo di nuovo alla guerra calcistica che diventa guerra vera e propria. Dialettica, certo, ma ci vuole poco a passare dalle parole ai fatti in questi casi.

Fiorentina Juventus, l'Heysel e le giustificazioni della dirigenza viola

In situazioni come queste, se è vero che spesso il cervello ultras è piccolo così, dovrebbe essere le Società a intervenire.

Facendo sentire la propria voce, condannando, stigmatizzando episodi come quello che si è verificato questa settimana a Firenze, a pochi giorni da Fiorentina-Juventus. Inneggiare all'Heysel, alla carneficina prima di Liverpool-Juventus, sarebbe condannabile di qualunque colore si è. Perché a Bruxelles morirono 39 innocenti, presenti per assistere a uno spettacolo di calcio.

Invece, ancora una volta, ci tocca ascoltare giustificazioni, proprio come quando Lotito ha difeso gli ultrà laziali spiegando che di Anna Frank non sapevano nulla; '-39: nessun rispetto' è la scritta apparsa sugli adesivi, fanno sapere i dirigenti della Fiorentina, che però risalgono allo scorso anno. Insomma, sarebbe stato il Comune a dover intervenire per farli sparire. Scaricabarile bello e buono. Se questi adesivi ci sono da un anno, la figura è ancora peggiore. Da parte di Firenze, non solo della Fiorentina questa volta. Per le vie della bellissima città toscana, serpeggia sempre l'odio. Come se i morti avessero un colore e non fossero tutti uguali. Proprio come in una guerra.

Venerdì sera si gioca. Ma Fiorentina-Juventus non potrà mai essere una partita come le altre. Anzi, a ben guardare, non potrà mai essere una partita di calcio. Ed è un peccato perché Chiesa, Veretout, Buffon, Higuain, Simeone e Mandzukic [VIDEO] se lo meriterebbero.