Dopo 20 anni, il Milan abbandona lo storico sponsor tecnico adidas e si affida a Puma. L'accordo prevede che l'inizio della collaborazione sia al termine di questa stagione calcistica, dal 1° luglio del 2018. Il contratto con il brand tedesco ha durata pluriennale e ad annunciarlo ufficialmente è stato l'amministratore delegato Marco Fassone, che ha parlato di reciproca stima e di passione comune per i valori dello sport e del calcio. "Insieme, vogliamo tagliare nuovi straordinari traguardi, fuori e dentro il campo" ha detto il dirigente rossonero.

Puma ha emesso a sua volta un comunicato,a firma dell'amministratore delegato Bjørn Gulden, in cui ricorda i 119 anni di storia del Milan, conditi da 18 titoli internazionali vinti, tra cui spiccano le 7 Uefa Champions League, naturalmente, unica squadra italiana e tra le migliori in Europa. La nuova proprietà cinese, fa sapere Puma, ha iniziato un piano ambizioso. La maglia, quella con i colori rossoneri, è "una delle più iconiche del calcio".

Milan e Puma insieme, il claim Forever Faster

Milan e Puma insieme, dunque, legate anche dal claim 'Forever Faster'.

Le voglie di tornare al più presto ai massimi livelli da parte del Diavolo che, a livello commerciale, è invece già avanti e vuole ancora migliorare con il nuovo marchio.

Il Milan è una delle tante società che decidono di legarsi a Puma. Tra le più importanti ci sono sicuramente il Borussia Dortmund e l'Arsenal. Ma troviamo poi club in Svizzera, Austria, Camerun, Costa d'Avorio, Ghana, Repubblica Ceca.

Presto si aggiungerà il Senegal. Non solo: tanti campioni si sono legati allo sponsor tedesco. Dal francese dell'Atletico Madrid Antoine Griezmann a Olivier Giroud, da Sergio Auero a Cesc Fabregas. Pure il bresciano Mario Balotelli, come Hector Bellerin, Marco Reus, il 40enne capitano della Nazionale italiana e della Juventus Gianluigi Buffon.

Puma si definisce come football brand rivoluzionario. Il Milan affiancherà il marchio in questa ricerca della novità.

Prima degli altri. Perché non c'è tempo da perdere, fuori e dentro il campo di calcio.

La squadra, guidata da Gennaro Gattuso, ha inanellato una serie di risultati positivi che hanno riportato il Milan in una situazione di classifica più consona al blasone rossonero. Con concrete possibilità di raggiungere l'Europa l'anno prossimo, se non altro partendo dall'Europa League per poi dare l'assalto alla Champions League.

Segui le tue passioni.
Rimani aggiornato.

Segui la nostra pagina Facebook!