Il campionato italiano di calcio sta entrando davvero nel vivo e in questo weekend si stava disputando la ventisettesima giornata di Serie A. Tuttavia c'è stato tempo di vedere in campo soltanto gli anticipi Spal-Bologna, Lazio-Juve e Napoli-Roma, perché la morte di Davide Astori, capitano della Fiorentina, ha sconvolto il mondo del calcio e ha ordinato, com'è giusto che sia, lo stop delle gare previste per domenica. Nel frattempo, però, vogliamo focalizzare l'attenzione sulla classifica del Napoli comparata a quella dello scorso anno, evidenziando tutte le differenze.

Napoli: è record di punti per il club azzurro

Gli attuali 69 punti in classifica del Napoli, infatti, rappresentano per il club partenopeo un vero e proprio record. Nonostante la sconfitta subita contro la Roma di Eusebio Di Francesco per 2 a 4, la stagione che Maurizio Sarri sta facendo vivere ai tifosi azzurri è di gran lunga la migliore della storia. Mai, infatti, la squadra di Aurelio De Laurentiis era riuscita ad avere un rendimento di questo tipo in Serie A. Sono ben nove i punti in più rispetto alla stagione 1987/1988, quando il Napoli aveva racimolato ben 60 punti con diciotto vittorie, sei pareggi e tre sconfitte.

Napoli: ecco la classifica rispetto allo scorso anno

Non solo, perché se andiamo a fare un confronto della classifica attuale del Napoli con quella della stagione 2016/2017 sono ben 12 i punti in più (alla ventisettesima giornata dello scorso anno erano 57 i punti totali); rispetto all'anno 2015/2016, invece, quando il club aveva 58 punti, si registra un +11 che fa capire quanto di buono Sarri e i suoi uomini stiano facendo quest'anno.

Attualmente, infatti, il Napoli capolista ha 69 punti in classifica (anche se la Juve dovrà recuperare una gara), ha vinto 22 gare, pareggiandone 3 e perdendone appena 2. In più ha messo a segno ben 62 gol (terzo miglior attacco del campionato) e ne ha subiti appena 19 (seconda migliore difesa).

Lo scorso anno, invece, alla ventisettesima giornata, erano 57 i punti in classifica per il Napoli, con 17 partite vinte, 6 pareggi e 4 sconfitte e 62 gol all'attivo e ben 30 al passivo.

Insomma, le differenze rispetto allo scorso anno sono evidenti e sotto gli occhi di tutti. Non sarà una sconfitta, peraltro contro un avversario di tutto rispetto, a fermare la corsa di Sarri e i suoi uomini. La sfida con la Juventus resta aperta e lo sarà fino alla fine dell'anno. Ci sarà sicuramente da divertirsi.

Per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie di calciomercato e, più in generale, sul mondo del calcio, continuate a seguire l'autore di questo articolo e il nostro sito Blasting News.

Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la pagina SSC Napoli
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!