Semifinali terminate, e saranno Juventus e Milan a scendere in campo in vista dell’ultimo atto della Coppa Italia 2017-18 dopo 180 minuti intensi giocati rispettivamente sui campi di Bergamo e Torino, Milano e Roma. I bianconeri hanno comodamente superato l’Atalanta con un 2-0 totale (1-0 all’andata, ribadito ieri sera allo Stadium); più concitata la contesa tra biancocelesti e rossoneri, terminata senza marcature ma decisa ai rigori da Alessio Romagnoli.

Juve e Milan ancora in finale di Coppa Italia

I bianconeri hanno avuto la meglio sulla formazione guidata da Gasperini, battendoli sia all’Atleti Azzurri di Italia che in quel di Torino i nerazzurri con il minimo risultato. Ci pensò Gonzalo Higuain a stendere la Dea lo scorso 30 gennaio; è stato Pjanic (penalty) a decidere la sfida nel capoluogo torinese. La Vecchia Signora, così, approda alla finale di Coppa per la quarta volta consecutiva.

Alla società orobica, invece, resta l’amaro in bocca per aver soltanto sfiorato un’impresa molto ardua, dopo quella mancata contro il Borussia Dortmund ai sedicesimi di finale di Europa League.

Lazio e Milan si sono giocate tutto all’Olimpico, dopo il pareggio a reti inviolate dei primi 90 minuti. Match dai ritmi molto alti: le squadre si sono affrontate a viso aperto, senza riuscire a prevalere l’una sull’altra se non alla lotteria dei calci di rigore.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Milan

I Diavoli hanno prevalso sui rivali dagli undici metri (5-4): decisivi gli errori del laziale Luiz Felipe Ramos (palla alta in tribuna) e la realizzazione di (spiazzato Strakosha).

Allegri contro Gattuso nella finalissima

Quello di Massimiliano Allegri e Gennaro Gattuso, allenatori che si trovano alla guida di squadre che inseguono obiettivi ed ambizioni molto diverse. L’ex tecnico di Cagliari e Milan sta gareggiando fianco a fianco con il Napoli per vincere il settimo scudetto consecutivo, con lo spettro dell’eliminazione dalla Champions League dietro l’angolo (dopo il 2-2 in casa con il Tottenham di Pochettino).

L’ex mediano azzurro, di contro, ha risollevato le sorti della società meneghina, la cui stagione sembrava fosse finita con l’esonero di Vincenzo Montella. Gattuso ha avuto il grande merito di saper valorizzare una rosa giovane e di talento, composta da tantissimi calciatori acquistati nello scorso mercato estivo, i quali avevano reso (finora) ben al di sotto delle aspettative. Giocatori che ora potranno, quantomeno, sognare di togliere un trofeo ai dominatori assoluti del calcio italiano degli ultimi sei anni.

Ancora una volta.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto