Zlatan Ibrahimovic non ha alcuna intenzione di smettere di giocare, di divertire i tifosi e di divertirsi. Dopo aver chiuso l'esperienza al Manchester United, l'attaccante svedese ha voluto iniziare una nuova avventura, cambiando nazione e addirittura continente: il fuoriclasse scandinavo si è trasferito negli Stati Uniti, ed è diventato un nuovo calciatore dei Los Angeles Galaxy, club nel quale ha giocato in passato anche David Beckham.

La sua esperienza al Manchester United si è chiusa in modo piuttosto burrascoso, con gli ultimi mesi trascorsi in panchina, senza poter dare una mano alla squadra.

Infatti, se è vero che lo svedese doveva ancora recuperare dall'infortunio patito nella scorsa edizione di Europa League, è altrettanto vero che da più parti sono state avanzate ipotesi su un rapporto piuttosto logoro con José Mourinho. Proprio i presunti contrasti avuti con lo "Special One" nell'ultima parte della sua esperienza a Manchester, avrebbero determinato l'assenza dal terreno di gioco, spingendo definitivamente Ibrahimovic ad accettare l'idea di trasferirsi negli Stati Uniti

Ibrahimovic e quel paragone con Benjamin Button

Nel corso della conferenza stampa di presentazione ai tifosi dei Los Angeles Galaxy, Ibrahimovic si è lasciato andare a molti passaggi interessanti e, come riportato da Sky.it, ha dichiarato: "Sono davvero felice di essere arrivato ai Los Angeles Galaxy, in realtà sarei potuto arrivare anche prima, addirittura prima di firmare con il Manchester United.

La mia scelta, però, è sempre stata qui. In questo momento mi sento come Benjamin Button, sono nato vecchio e sto per morire giovane. Non vi preoccupate per la mia età, sono arrivato in Inghilterra con la sedia a rotelle e l'ho conquistata in tre mesi. So cosa posso dare, domani c'è una grande partita e non vedo l'ora di scendere in campo: il leone è affamato.

Negli ultimi due mesi non ero al cento per cento della condizione, ma adesso sono pronto a tornare in campo per giocare e vincere. In questo momento mi sento come quei bambini ai quali viene regalata per la prima volta una caramella e gli viene imposto di scegliere. Io scelgo senza dubbio il pallone".

Ibrahimovic, il Milan e Gattuso

Nel corso della conferenza stampa di presentazione ai Los Angeles Galaxy, Ibrahimovic ha avuto modo di parlare anche di Gattuso e della sfida tra Juventus e Milan in programma stasera: "In Europa ho scritto la storia, vincendo 33 trofei. Ho avuto la possibilità di giocare con i migliori club e i migliori calciatori. Tutto ciò lo porterò per sempre con me. Juventus-Milan? Credo che Allegri sappia cosa deve fare per conquistare la vittoria; ha vinto con il Milan e sta vincendo ancora con la Juve. Gattuso lo conosco perché sono stato suo compagno di squadra, e di certo non devo spiegargli come si vince. Sta facendo grandi cose e sono contento per lui perché mi piace come persona.

Se dovessi andare in guerra, Rino sarebbe uno dei pochi che porterei con me".

Segui la pagina Juventus
Segui
Segui la pagina Milan
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!