Massimiliano Allegri è pronto a dimenticare la delusione di Madrid, con la sua Juventus eliminata ai quarti di finale per colpa di un discusso calcio di rigore, assegnato dall’arbitro inglese Michael Oliver ai padroni di casa, quando mancavano meno di 30 secondi alla fine dei tempi regolamentari. L’allenatore dei bianconeri, durante la conferenza stampa di oggi, 14 aprile, in vista del match di campionato contro la Sampdoria, ritorna sulla tragica notte del Bernabeu con l’intenzione di chiudere una pagina amara, non condanna la reazione avuta da Gigi Buffon ma, soprattutto, decide di levarsi un ultimo sassolino dalla scarpa.

A suo giudizio, rigore a parte, l’arbitro inglese, Michael Oliver, ha arbitrato bene, ma ha commesso un solo fatale errore: nel secondo tempo ha concesso 3 minuti di recupero invece di 1.

Allegri torna a parlare di Real Madrid-Juventus

“L’ha turbata di più la situazione del rigore o il fatto che Alex Sandro non sia salito a fare il fuorigioco con gli altri compagni?”, domanda ad Allegri uno dei giornalisti presenti alla conferenza stampa. Si giocavano gli ultimi secondi della partita - questa la lunga risposta del mister bianconero - e in determinati momenti è impossibile mantenere la concentrazione dopo una partita giocata a ritmi altissimi. Ma "non mi ha turbato né il rigore né il fatto che Alex Sandro non sia salito".

Quindi Allegri fa i complimenti ai suoi giocatori per la splendida partita disputata e si dice convinto che gli appassionati di calcio avrebbero meritato di assistere ai tempi supplementari. Ma "ora basta", taglia corto il mister bianconero, perché bisogna pensare solo alla Sampdoria. Quindi, "Madrid va messa da parte", perché il risultato di quella partita non può essere modificato in nessun modo.

Il giudizio di Allegri sulla reazione di Buffon

“Giudicare dall’esterno è sempre facile - afferma l’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri parlando della reazione scomposta avuta da Buffon - Io dico che nelle situazioni bisogna trovarcisi". Secondo Allegri, Gigi Buffon "per vent’anni è stato un esempio dentro e fuori dal campo".

Qunidi, per una volta che ha perso le staffe, la sua reazione è più che comprensibile. Insomma, alza la voce, "io Buffon non lo condanno".

L’arbitro Michael Oliver ha commesso un solo errore, ma gravissimo

A questo punto, quando il discorso Madrid sembrava ormai chiuso, ecco il colpo di scena. "L’arbitro ha arbitrato una buona partita - prosegue Allegri riportato in trance agonistica dal ricordo del Bernabeu - Nei 90 minuti è stato molto bravo. Ma la cosa che posso dire è che l’unica cosa che in tutta la serata, indipendentemente dall’episodio del rigore, credo abbia valutato male è il tempo di recupero. Perché nel secondo tempo, e nessuno qui l’ha detto, c’è solo una sostituzione (quella che vede entrare in campo Lucas Vazquez ndr) e non c’è un intervento dei dottori in campo.

E quindi è un minuto di recupero, non è un protocollo che deve dare tre minuti. E qui chiudiamo con Real Madrid-Juventus”.

Segui la nostra pagina Facebook!